fbpx

Vincere una 24 Ore di Le Mans è già un risultato eccezionale, no? Non per Ferrari, che nel 2024 punta molto più in alto.

Quest’anno infatti l’obiettivo per le due rosse di Maranello è la vittoria del titolo mondiale endurance, sperando di strappare a Toyota quel dominio che va avanti ormai dal 2018.

I risultati che sperano i piloti per la prossima stagione differiscono però tra gli equipaggi. Se per Pier Guidi, Calado e Giovinazzi (sulla #51) l’obiettivo ultimo è appunto il titolo iridato, Fuoco, Molina e Nielsen (sulla #50) puntano a “rubare” ai compagni di squadra l’onore di vincere a Le Mans. Un pizzico di rivalità interna che a piccole dosi non fa assolutamente male.

Stesse considerazioni anche per Antonello Coletta (Global Head per l’Endurance e le Corse Clienti) e Ferdinando Cannizzo (Head of Endurance Race Cars). La strategia per quest’anno sarà partire con una rinnovata “consapevolezza nei mezzi e umiltà, provando a lottare per la vittoria in ogni gara”.

La macchina in sé è la stessa dell’anno scorso. Ferrari infatti ha deciso di non spendere nessun gettone di sviluppo durante l’inverno, dedicandosi invece a studiare meglio al simulatore e in pista le caratteristiche di una vettura già eccezionale e con un potenziale ancora inespresso.

Basterà per vincere? Sicuramente la mentalità è quella giusta, ed è già un passo importante.

Di Alessandro Rizzuti

Laureato in storia e bassista metal a tempo perso, fermamente convinto che sotto le sei ore si parla di gare sprint. Ogni tanto faccio qualche articolo ironico, sperando di essere divertente almeno su internet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *