fbpx

Ferdinand Habsburg (ufficialmente Habsburg-Lothringen), erede della casata che ha governato l’impero d’Austria, è un pilota professionista in forza al team WRT nel WEC.

Alla guida della LMP2 #31 con Sean Gelael e Robin Frijns, si è dimostrata una persona estremamente speciale, dal grande cuore e grande talento.

La passione per le corse è nata per caso, da un bisogno di passare più tempo con il padre dopo il divorzio, e da lì una carriera tutto sommato normale che ha visto i kart e la Formula 3, per poi passare al DTM quando il bisogno di una valigia piena per fare il salto di qualità si è rivelato insostenibile.

Un pilota che mette amore in tutto quello che fa ed esprime simpatia da tutti i pori. Alla nostra domanda sul suo punto forte come pilota ha risposto “I think I am pretty good with people”.

La grande affabilità di “Ferdi” è stata subito evidente nelle prime battute dell’intervista. Ph: manne_photosport

Persona sempre disponibile per i compagni per dare un abbraccio o una parola di conforto, Ferdinand dimostra cosa vuol dire avere spirito di squadra e di sacrificio, qualità fondamentali all’interno del mondo endurance.

E Ferdinand si trova piacevolmente immerso in questo mondo, dove i team si aiutano se c’è bisogno di una mano o anche solo per chiacchierare (se vi interessa il caffè migliore del paddock lo fa Prema).

Un pilota che ha l’umiltà di ammettere che la velocità pura non è il suo forte, ma trova la sua quadra nell’essere consistente e affidabile durante tutti i suoi stint, qualità che è molto apprezzata dalla squadra secondo Ferdinand.

Un pilota che vorrebbe solo correre di più e avere più eventi durante l’anno perché gli piace.

Questo è Ferdinand Habsburg, uno dei piloti più gentili e veri che il motorsport ha in questo momento.

la consueta foto di rito con Ferdinand dopo l’intervista. Ph: manne_photosport

Ringraziamo Ferdinand ed Emma Laddiman (press officer WRT) per aver reso possibile l’intervista.

Di Alessandro Rizzuti

Laureato in storia e bassista metal a tempo perso, fermamente convinto che sotto le sei ore si parla di gare sprint. Ogni tanto faccio qualche articolo ironico, sperando di essere divertente almeno su internet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *