fbpx

La 24 ore di Daytona che si è conclusa ieri ha rappresentato la vera essenza del termine “gara di resistenza”. In 23 ore e 58 minuti (la bandiera a scacchi è stata esposta con un giro di anticipo) più di metà dei partecipanti ha subito problemi che li hanno visti costretti al ritiro o a un ritardo insormontabile. Ma andiamo con ordine e ricapitoliamo l’evento per le diverse classi.

GTP
La vittoria è stata conquistata con la forza dalla Porsche #7 (Cameron-Nasr-Campbell-Newgarden), davanti alla Cadillac #31 di Action Express (Derani-Aitken-Blomqvist). Dopo un inizio un po’ lento per la Porsche, il duello tra i due equipaggi si è acceso nella notte ed è continuato fino all’ultimo giro. Il sorpasso della vittoria per Nasr è avvenuto ai box durante l’ultimo pit stop, con un pit stop perfetto che gli ha permesso di mettersi davanti a Blomqvist. Completa il podio la Acura #40 (J. Taylor-Deletraz-Herta-Button), piagata da problemi tecnici come la vettura gemella (R. Taylor-Albuquerque-Hartley-Ericsson), costretta invece al ritiro. Stessa sorte è andata all’altra Cadillac (van der Zande-Bourdais-Dixon-Palou), costretta al ritiro durante la notte per un problema meccanico.

Quarta posizione per l’altra Porsche di Penske (Tandy-Jaminet-Estre-Vanthoor), davanti alle due Porsche clienti. Quinta Proton (Bruni-Jani-Picariello-Dumas), e sesta JDC-Miller (van der Helm-Westbrook-Hanson-Keating). Questa è una prova di forza per Porsche, unico costruttore nella categoria a non aver sperimentato problemi tecnici. Infine troviamo le due BMW, sul passo per vincere solo durante la notte e anche loro piagate da problemi tecnici vari.

LMP2
Per le LMP2 la gara è stata come sempre caotica e incredibilmente avvincente. Le prime ore di gara hanno visto una moria incredibile di auto, soprattutto a causa di incidenti, facendomi tornare in mente i bei vecchi tempi delle LMP3. Gli infiniti duelli e cambi di strategia hanno alla fine coronato Era Motorsport (Merriman-Dalziel-Zilisch-Rasmussen), davanti a Crowdstrike by APR (Kurtz-Braun-Sowery-Jakobsen) e Riley (Robinson-Fraga-Burdon-Massa).

GTD Pro e GTD
Come nella Spotter Guide riuniti per costruttore, per comodità anche vostra che leggete.

Possiamo dire che il marchio vincitore di questa edizione della 24 ore di Daytona è Ferrari. Vittoria per Risi in GTD Pro, che nella notte sembrava aver perso le speranze a causa di un problema alla pompa di benzina che aveva fatto perdere parecchio tempo. Alla fine, non solo il tempo perduto è stato recuperato, ma alla fine tutti gli altri sono stati doppiati di almeno un giro. Benissimo anche nella categoria GTD, in cui le 296 di AF Corse, Conquest e Triarsi conquistano rispettivamente la seconda, terza e quarta posizione. Grande rammarico per Cetilar, costantemente la migliore delle Ferrari fino a un problema verso l’alba che ha causato ben otto giri di ritardo.

In GTD la vittoria è andata alla Mercedes di Winward Racing, che insieme alla Mercedes di Korthoff/Preston Racing (arrivata solo quinta) si è contesa la testa della corsa per l’intera durata della gara.

Per tutti gli altri marchi la gara è stata un calvario. Le due Corvette GTD non hanno visto il traguardo, e le Pro hanno avuto problemi che le hanno costrette a lunghe soste in garage. Per Lamborghini solo le Iron Dames sono state in qualche modo in gara fino alla fine, tutti gli altri team hanno sperimentato problemi e incidenti nella prima parte di gara. Doppio DNF per Lexus, la Pro a inizio gara per un contatto con una LMP2, la GTD a meno di un’ora dalla fine per un incendio al motore.

Insomma, il grande sconfitto di questa 24 ore possiamo affermare che è l’affidabilità.

Bene ragazzi, e anche questa è andata. L’appuntamento con il grande endurance è per il 2 marzo con l’inizio del WEC in Qatar. Alla prossima!

Di Alessandro Rizzuti

Laureato in storia e bassista metal a tempo perso, fermamente convinto che sotto le sei ore si parla di gare sprint. Ogni tanto faccio qualche articolo ironico, sperando di essere divertente almeno su internet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *