fbpx

A cura di Claudio Boscolo.

WRT fa due su due nella European Le Mans Series!

In questa gara al Red Bull Ring succede davvero di tutto e il contrario di tutto.

Nella prima porzione di gara a fare spettacolo (e danni) sono, come al solito, le LMP3 che nei primi minuti di gara seminano il panico causando la prima di molte bandiere gialle ed eliminando alcuni dei protagonisti della loro stessa classe tra cui l’ottimo equipaggio di Villorba Corse che si vede costretto al ritiro.

Verso la prima metà delle quattro ore di gara avviene il grande turning point di questa gara con la pioggia che scoppia sul più bello portando davvero tantissime vetture in ghiaia in curva 7 tra cui due grandi protagoniste: le Oreca di United Autosport che vedono così iniziare una vera e propria via crucis di errori, penalità e incidenti.

La pioggia si fa così eccessiva che viene richiesto l’intervento della safety car e, nonostante la vettura di sicurezza, avvengono davvero tanti errori ed uscite di pista, senza menzionare le innumerevoli infrazioni a causa dei repentini rientri ai box per cambiare le gomme.

Tanti drive through e penalità in tempo che non risparmiano sia i leader della gara (vedi WRT) che le posizioni del podio (G-Drive, Panis Competition per le LMP3 e Iron Lynx con la vettura numero 83 per le GTE).

Cammin facendo il cielo si rischiara per circa un’oretta prima di un’altra doccia di pioggia che porta ancora grandi sorprese nella fase finale con la vettura delle Iron Dames in ghiaia all’ultimo giro e l’arrivo al fotofinish delle LMP3.

Podio LMP2:

  • 1- Team WRT #41
  • 2- G-Drive #26
  • 3- G-Drive #25

Podio LMP3:

  • 1- Cool Racing #19
  • 2- Eurointernational #11
  • 3- Graff #8

Podio LMGTE:

  • 1- AF Corse #88
  • 2- Spirit of Race #55
  • 3- Iron Lynx #80

Di Claudio Boscolo

Appassionato di endurance da quando ho memoria, innamorato perso della Panoz Esperante e nostalgico della Jordan e della Jaguar in Formula 1. Cantastorie di piloti e di gare, all'occorrenza team principal dell'ItalianWheels Racing Team.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *