fbpx

Nel giorno degli innamorati, Lancia tenta il ri-Lancio: al via le vendite della nuova Ypsilon.

Da ieri in (quasi) tutte le concessionarie Lancia, si può ordinare la nuova Ypsilon. Partiamo subito con la verdura: se cercate un motore termico, o una versione base per andare da punto A a punto B, non c’è. È disponibile, al momento, la sola Cassina Limited Edition, prodotta in 1906 esemplari, full optional ed elettrica da 156cv.

Il prezzo? Tenetevi forte.

39.500€.

Sì, avete letto bene. Quasi 40.000€ per una Segmento B. Neanche troppo folle, se pensiamo al mercato odierno e alle sue cifre da capogiro. D’altronde, se un quadriciclo elettrico come la Topolino arriva a costare quasi 10.000€…

Confrontandola con le sue sorelle di sangue, Peugeot 208 ed Opel Corsa, troviamo poi delle similitudini: la e-208 (stesso motore elettrico da 156cv) costa 40.280€, la Corsa-e (che di cavalli ne ha 136) invece costa 36.030€. Non lontane, insomma. Se contiamo che la Lancia è in versione edizione limitata, grazie agli interni impreziositi dalla Italianissima pelle Cassina, si fa presto a pensare che il prezzo per la “normale” Ypsilon scenderà di qualche migliaia di euro, e che le versioni ibride con il 1.2 PureTech saranno intorno ai prezzi delle altre due di casa Stellantis, quindi circa 25.000€.

Un rilancio non partito benissimo, insomma, con alcune concessionarie che non hanno ricevuto il modello da esposizione e con la sola Cassina elettrica ordinabile in edizione limitata ad un prezzo leggermente proibitivo, per l’acquirente medio della attuale Ypsilon (quella del 2011). Chissà se la nuova Ypsilon, la Gamma (in uscita nel 2026) e la Delta (prevista invece per il 2028) riescano ad ottenere il risultato sperato, ovvero la rinascita del marchio Lancia.

Ma è presto per parlare di risultati, per i quali dovremo attendere la messa in commercio delle versioni meno ricche e con diverse motorizzazioni. Per ora, restiamo a guardare e a sperare.

Lancia, che ti hanno fatto…

Di Cosimo D'Adamo

Appassionato delle auto in generale dal 1997, con una forte preferenza per le auto italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *