fbpx

A cura di Davide Achille e Claudio Boscolo.

Agli albori degli anni ’90, precisamente nel 1991, debuttò nel mondo della Formula 1 il Modena Team. Con la volontà della Lamborghini, già fornitrice di motori all’interno del Circus, di portare una “propria” vettura nel mondiale e dietro l’impulso del finanziere messicano Fernando Gonzales Luna, fu incaricato l’ingegner Mauro Forghieri, ex progettista della Ferrari e membro della Lamborghini Engineering, di progettare la nuova monoposto. Spinta dal propulsore Lamborghini V12 e da un’aerodinamica innovativa, la vettura della scuderia italiana fu però progettata e costruita con un budget limitato, a causa della misteriosa scomparsa del finanziere messicano.

Nonostante tutto Forghieri e la sua squadra d’ingegneri riuscirono a mettere in pista la vettura del neonato Modena Team per la stagione 1991 con Mauro Baldi come collaudatore, quest’ultimo eseguì i primi test della vettura a Imola. I due piloti titolari della scuderia modenese furono: l’italiano Nicola Larini, futuro campione DTM, e il belga Eric van de Poele, vincitore per ben cinque volte della 24 ore di SPA. La monoposto, denominata “Lambo 291”, debuttò a Phoenix mettendo a segno un ottimo settimo posto con Larini mentre Eric van de Poele non riuscì a passare le pre-qualifiche.

Nonostante l’inizio abbastanza promettente, la vettura non riuscì a ottenere risultati convincenti: si qualificò per soli sei gran premi in totale con la grande occasione capitata al pilota belga, il quale a Imola occupò la quinta posizione per buona parte della gara fino all’ultimo giro, dove per problemi tecnici fu costretto al ritiro. Nella seconda parte della stagione i risultati furono altrettanto disastrosi: Eric van de Poele non fu mai in grado di qualificarsi per la gara e Larini solamente per quattro gran premi, conclusi in posizioni di rincalzo oppure con il ritiro. Al netto degli 0 punti in 16 gare e della disastrosa situazione economica, la scuderia si indebitò pesantemente durante la stagione costringendo la Lamborghini Engeneering a bloccare lo sviluppo e la fornitura dei motori alla scuderia di Modena, nonostante il progetto di una nuova vettura per la stagione successiva.

Di Davide Achille

Nato a Voghera il 27 settembre del 1995, sono laureato in Giurisprudenza e appassionato di motori sin da quando ero un bambino. Ho iniziato a scrivere di motorsport e di automotive nell'ormai lontano 2016 e nel 2018 sono approdato alla corte di ItalianWheels.net. Guidatore della domenica per l'ItalianWheels Racing Team, corro anche nei campionati esports tra le file della Matteo Arrigosi Racing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *