A cura di Davide Orofino.

Ha raggiunto la sua conclusione il weekend olandese del Motomondiale. Vediamo assieme i risultati gara per gara.

In Moto3 assistiamo a una gara veloce con un piccolo plotone a giocarsi la vittoria, a trionfare è Dennis Foggia che sin dalle prime battute si mette a dettare il ritmo e perde la prima posizione solo una manciata di volte ma l’italiano si dimostra sempre in controllo della situazione. Con lui sul podio Sergio Garcia e un Romano Fenati che nonostante i due long lap arriva comunque terzo grazie al suo passo gara veloce. Quarto Pedro Acosta che ora vede la sua leadership in campionato accorciata a “solo” 48 punti, conlude la Top-5 Tatsuki Suzuki.

Dennis “The Rocket” Foggia.

Gara ricca di emozioni nelle posizioni di vertice in Moto2 con la battaglia per la vittoria che ha visto competere le due KTM Ajo e le due Marc VDS, a spuntarla alla fine sono le due KTM con Raul Fernandez primo che precede il compagno di squadra Remy Gardner in seconda posizione, a completare il podio Augusto Fernandez che ritorna sul podio davanti a Sam Lowes. Quinta posizione per Marco Bezzecchi che paga una brutta qualifica ma rimane comunque terzo nel mondiale dietro ai due KTM con Gardner ancora primo a 184 punti.

La felicità di Raul Fernandez.

La gara di MotoGP la si potrebbe riassumere così “pronti, partenza, via e Quartararo scappa verso la vittoria“, solo Pecco Bagniaia riesce a impensierirlo un po’ nei primi giri ma una volta superato l’alfiere Ducati il francese della Yamaha se la da a gambe e lascia tutti gli altri a lottare per le briciole, a spuntarla nel secondo gruppo è Maverick Viñales che dopo una brutta partenza recupera e arriva in seconda posizione, a completare il podio Joan Mir. Quarta posizione per l’altro francese Zarco migliore delle Ducati, quinto Miguel Oliveira, sesto Bagniaia che è stato penalizzato con un long lap per essere andato troppe volte sul verde.

La battaglia iniziale tra Fabio e Pecco.

Ora inizia la pausa estiva, appuntamento all’8 Agosto per la prossima gara in Austria.

Di Davide Orofino

Classe 1995, sardo, laureato in lingue e appassionato di tutto ciò che è dotato di un motore, specialmente se ha quattro ruote o se è dotato di ali che gli permettono di sfrecciare nel cielo. Mi occupo di un po' di tutto ma specialmente del motorsport giapponese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *