A cura di Davide Orofino.

Pronti, partenza, via ed è subito duello tra Max e Lewis per la prima posizione, peccato che il duello venga stroncato sul nascere da una manovra alquanto dubbia del britannico che alla Copse cerca di passare dove non c’è spazio e spedisce il pilota della Red Bull a muro generando uno scontro con le barriere di 51G, bandiera rossa al terzo giro.

Il contatto tra Hamilton e Verstappen.

Dopo aver aggiustato le barriere la gara riparte con una partenza sulla griglia che vede Charles Leclerc partire dalla prima posizione. La direzione gara da 10 secondi di penalità a Hamilton per l’incidente. La gara vede protagonista il monegasco della Ferrari che in maniera eroica, nonostante problemi di calo di potenza, mantiene la prima posizione per 50 dei 52 giri facendosi infilare a due tornate dalla fine da un Hamilton in pieno recupero.

Sul terzo gradino del podio Valtteri Bottas che approfitta dei problemi al pit di Norris (quarto) per superarlo, chiude la Top 5 Ricciardo braccato tutta la gara da un Sainz mai veramente capace di passarlo. A punti anche Alonso, Stroll, Ocon e Tsunoda.

L’ordine d’arrivo.

Da segnalare la pessima gara di Vettel che dopo un testacoda dopo la ripartenza rimane bloccato tutta la gara dietro a Latifi prima di ritirarsi a qualche giro dal termine. Gara sfortunata per Gasly che mentre viaggiava comodamente in zona punti fora una gomma ed è costratto al pit ma la sua rimonta si ferma all’unidcesima piazza.

La classifica generale vede Verstappen ancora in P1 con Hamilton in P2 che riduce il suo distacco a soli 8 punti, più staccato il terzetto che lotta per la P3 composto da Norris, Bottas e Perez. Nella classifica costruttori al primo posto la Red Bull seguita ora a soli 4 punti dalla Mercedes.

La classifica generale dopo questo GP.

Appuntamento al 1° agosto in Ungheria per l’ultima gara prima della pausa estiva.

Di Davide Orofino

Classe 1995, sardo, laureato in lingue e appassionato di tutto ciò che è dotato di un motore, specialmente se ha quattro ruote o se è dotato di ali che gli permettono di sfrecciare nel cielo. Mi occupo di un po' di tutto ma specialmente del motorsport giapponese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *