fbpx

A cura di Umberto Moioli.

I primi fiocchi di neve incominciano prima a sporcare le strade di varie città in tutta Italia e poi a riempirle, ed ecco che immediatamente si registrano crescite esponenziali nella vendita di GoPro in tutti i grandi Centri Commerciali, così come la ricerca “Come driftare con il freno a mano?” balza subito in cima alla classifica delle più cliccate su Google. Eh sì, l’inverno è giunto e con esso i cosiddetti “Ken Blog” del momento, pronti a filmarsi ovunque e con qualsiasi cosa possa essere messa di traverso. Ma tra i tanti Ken Blog di tutto il mondo, l’identikit per eccellenza riporta le seguenti caratteristiche come elementi fondamentali per entrare di diritto nella categoria: 18 anni, neo patentato, possessore di una Fiat Punto 1.2 16 valvole da 80 CV, gomme lisce, action cam prontamente montata, al seguito il folto gruppo di amici pronti a filmarsi a vicenda. Esaltati? Certamente. Ridicoli? Molto spesso. A rischio crash? Il più delle volte. Eppure…

Eppure io dico, per fortuna che ci sono ancora tanti Ken Blog al giorno d’oggi, quando un’intera generazione di ragazzi sta crescendo rincoglionita davanti ai video di “Matt & Bise” e compagnia bella. Per fortuna ci sono ancora ragazzi che, senza alcuna pretesa, desidera divertirsi tra amici, facendo le stesse cazzate con cui siamo cresciuti noi “più vecchi” e che continuiamo a fare e a raccontarci. Per fortuna che, con quello spirito da Gian Burrasca, i nostri Ken Blog alimentino in loro e anche per la prossima generazione la passione per i motori in un mondo che sembra aver perso l’interessa in qualsiasi cosa che non lasci apatici. Quindi sapete cosa? Sfottiamoli – un po’ di nonnismo non ha mai fatto male a nessuno -, prendiamoli un po’ in giro su Facebook e “sgonfiamoli” un po’ dalla loro convinzione di essere dei veri e propri Ken Block spinti da 80 CV. Ma quando li vedremo in un parcheggio, intenti a cercare di guidare di traverso sentendosi subito dei Takumi Fujiwara in fasce o i futuri Drift King, aggiungetevi a loro, ispirateli ma lasciatevi anche catturare da quello spirito di chi sperimenta le cose per la prima volta: smettiamoli per un momento di giudicali dall’ “alto” della nostra esperienza, perché tutti noi siamo stati dei “Ken Blog” almeno una volta e, ai primi fiocchi di neve, un po’ lo torniamo ad essere tutti. Perché alla base di questo amore per le auto c’è in noi un bambino che semplicemente ora si diverte con giocattoli più grandi e costosi, ma con la scemenza e la voglia di spensieratezza di sempre. Lunga vita ai Ken Blog!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *