"Se non fa la 24 Ore, non è poi così Hyper": Glickenhaus la tocca pianissimoMotorsport news WEC & Endurance 

“Se non fa la 24 Ore, non è poi così Hyper”: Glickenhaus la tocca pianissimo

L’imminente stagione 2020/2021 del WEC, che vedrà il debutto della nuova categoria Hypercars al posto delle ormai “vecchie” LMP1, è senza ombra di dubbio la notizia più chiacchierata del panorama motoristico sportivo, così come lo sono le macchine e le Case che prenderanno il via in questa classe che abbiamo già da tempo ribattezzato come Gruppo C 2.0

Ma nel mentre si avvicendano modifiche al regolamento e Costruttori che annunciano, chi più chi meno, la propria partecipazione al WEC 2020/2021, con un messaggio alla chi la vuole toccare pianissimo, la Scuderia Glickenhaus, dopo aver ufficializzato il proprio impegno al WEC, se n’è uscita con un messaggio su Facebook che lancia, con una certa ironia, il guanto di sfida agli altri Costruttori di Hypercars.

“Noi parteciperemo alla Stagione WEC 2020/21 […] e invitiamo tutte le altre Case costruttrici di Hypercars di fare lo stesso. Per noi, (la vostra macchina) se non può correre alla 24 Ore (di Le Mans) non è poi così Hyper.”

Insomma, il piccolo Atelier dà fuoco alle polveri. Come risponderanno le altre Case?

Umberto Moioli

Sono nato a Monza il 9 gennaio 1993, ed ho iniziato a frequentare il paddock fin dalla più tenera età grazie a mio padre, ex pilota e team manager. Amo le corse, scrivere, e guidare tutto ciò che è scomodo, rumoroso e soprattutto veloce. Sono appassionato di roba Old-School e ho una visione parecchio romantica delle Corse.

Related posts

Leave a Comment