You are here
La Dallara Stradale è finalmente realtà! Con la targa ma prestazioni da Formula news Nuovi Modelli 

La Dallara Stradale è finalmente realtà! Con la targa ma prestazioni da Formula

Tanta è stata l’attesa che ha accompagnato questo giorno: un’attesa durata due anni e mezzo per noi appassionati mentre una vita intera per Giampiero Dallara, patron dell’omonima casa costruttrice, che con questo pezzo di rara magnificenza meccanica all’età di 80 anni ha realizzato finalmente il suo sogno di  produrre una vettura da corsa avente il suo nome, ma stradale. Stradale, appunto, questo il nome scelto per la nuova nata in casa Dallara, per la quale è prevista una produzione di non più di 120 pezzi all’anno, per un totale di 600 esemplari, dei quali i primi 120 sono già stati tutti venduti.

La Dallara Stradale è finalmente realtà! Con la targa ma prestazioni da Formula

Portando con sé, infatti, tutto il DNA delle competizioni, il progetto è stato seguito in prima persona dallo stesso Giampiero, che ha voluto realizzare la Stradale esattamente seguendo la sua concezione di automobile: ultra leggera, superprestazionale e al tempo stesso snella nelle forme e dolce nelle linee, come se l’intera vettura fosse disegnata dal vento. Ecco che quindi la Stradale si presenta come una “barchetta”, simile alla primissima Dallara SP1000 degli Anni 70, che tuttavia diviene una roadster con l’aggiunta del parabrezza ed una coupé installando i finestrini con apertura ad ali di gabbiano.

La Dallara Stradale è finalmente realtà! Con la targa ma prestazioni da Formula

Essendo stata pensata come una vera vettura da corsa, che potesse portare su strada tutta l’esperienza che Dallara ha maturato nei paddock di tutto il mondo in più di 40 anni di attività, la Stradale vanta una monoscocca in fibra di carbonio e materiali compositi per la realizzazione della carrozzeria, la quale ovviamente è stata sviluppata in galleria del vento per minimizzare il coefficiente d’attrito e massimizzare la deportanza. Ovviamente, anche i numeri della scheda tecnica sono da vera “racecar”: la Stradale vanta infatti un peso di soli 855 Kg, mossi dai 400 Cv del motore 2300 cmc turbo di derivazione Ford Ecoboost, abbinato ad un cambio manuale a 6 rapporti per i più “old-school” o al robotizzato con palette al volante per coloro che non possono fare a meno delle cambiate ultra-rapide. Parlando ancora di numeri, ben 820 sono i Kg di downforce che l’aerodinamica della Stradale arriva a generare, mentre i valori di accelerazione laterale superano i 2G, un vero e proprio record per una vettura da “Granturismo”, aiutata però dalle gomme P Zero Trofeo R che Pirelli ha sviluppato in esclusiva con Dallara. In realità, stando alle parole di Marco Apicella, ex pilota F.3000 e collaudatore di Dallara per questo progetto, “La Stradale è una vettura da corsa con la targa. Ma è anche facile da guidare per chiunque, una vettura con cui andare a pranzo al mare o a spasso sulle colline, solo per il gusto di guidarla, come fanno i motociclisti”. Anche per quanto riguarda l’acquisizione dati, la Stradale può vantare un sistema appositamente sviluppato in collaborazione con l’italiana AiM, leader per quanto riguarda dash-board e data-logger per vetture da competizione di ogni tipo.

La Dallara Stradale è finalmente realtà! Con la targa ma prestazioni da Formula

Il prezzo? Neanche troppo salato: sono necessari “solo” 155.000 € per garantirsene una, e pensate che c’è stato chi ha messo 50.000 € di anticipo senza neppure aver potuto visionare i disegni.

Umberto Moioli
Sono nato a Monza il 9 gennaio 1993, ed ho iniziato a frequentare il paddock fin dalla più tenera età grazie a mio padre, ex pilota e team manager. Amo le corse, scrivere, e guidare tutto ciò che è scomodo, rumoroso e soprattutto veloce. Sono appassionato di roba Old-School e ho una visione parecchio romantica delle Corse.

Related posts

Leave a Comment