L'addio choc di Audi al WEC ha diverse ragioni, ma sarà davvero la fine?Latest news Motorsport WEC & Endurance 

L’addio choc di Audi al WEC ha diverse ragioni, ma sarà davvero la fine?

L'addio choc di Audi al WEC ha diverse ragioni, ma sarà davvero la fine?

Il comunicato ufficiale che ha creato tanto clamore è arrivato nella giornata di mercoledì 26 ottobre: la casa tedesca, dopo 20 anni di accese battaglie e di numerosi successi, abbandonerà la competizione di endurance per concentrare tempo e risorse (ed ovviamente budget) allo sviluppo della Formula E e del DTM, il campionato tedesco per vetture a ruote coperte. La decisione dei tecnici Audi è arrivata come un fulmine a ciel sereno sia per la FIA sia per tutti gli addetti al settore dato che non erano stati avvertiti campanelli d’allarme che potevano far pensare a questa dipartita.

Pensare che Audi non prenderà parte alle prossime edizioni della storica gara francese rattrista sicuramente ogni appassionato, anche i fan più accaniti delle Case rivali. Sì perché Audi fa intrinsecamente parte di Le Mans: basti pensare che 13 delle ultime 17 edizioni sono state vinte proprio dal marchio dei quattro anelli e fino a ieri non sarebbe stato possibile pensare a questa gara senza vedere in pista la R18.

L'addio choc di Audi al WEC ha diverse ragioni, ma sarà davvero la fine?

Questa triste decisione è sicuramente una delle tante conseguenze dovute allo scandalo emissioni della casa madre di Wolfsburg, che dovendo – al meglio – destinare 18 miliardi di dollari tra multe e risarcimenti negli Stati Uniti e dovendo anche coprire le spese per il team LMP1 di Porsche, ha deciso di ritirare la compagine di Ingolstadt; ma i tecnici del settore motorsport hanno tutta l’intenzione di voler trasformare questa situazione in un’opportunità. Per prima cosa, per non rimanere attardati nello sviluppo della tecnologia ibrida ed elettrica, sulla quale, che piaccia o no, si sta puntando molto e la Formula E è risultata essere un’ottima piattaforma di sviluppo ed il reparto dell’ABT, al quale è stata affidata la preparazione della monoposto, sarà sicuramente in grado di affrontare questa avventura con ottimi risultati fin dalla prima Stagione. Il campionato DTM, invece, essendo riservato a BMW, Mercedes e Audi, ha un grande seguito in Germania mentre non gode di molta visibilità nel resto del mondo e questa potrebbe essere l’occasione giusta per ampliare il pubblico di appassionati rafforzando le operazioni di marketing associate al campionato teutonico. Inoltre, la rivalità interna al gruppo Volkswagen tra Audi e Porsche per il predominio del WEC si stava consumando in un bagno di sangue per le finanze del colosso tedesco, visti gli eufemisticamente importanti budget che il mondiale Endurance esige per competere nella massima categoria ed Audi, per la prossima stagione avrebbe dovuto rispondere alla chiamata di sviluppare la nuova generazione di R18, visto i deludenti risultati delle ultime due annate. Cosa che si sarebbe, ovviamente, tradotta in altre – decisamente ingenti – spese da mettere sul budget di casse che certamente non stanno vivendo il proprio miglior periodo.

audi-dtm

Parliamoci chiaro, però: per gli appassionati del WEC e sostenitori della casa di Ingolstadt, il DTM e la Formula E (specialmente quest’ultima), per quanto avvincenti siano e per quanto ci abbiano regalato bellissime gare nel corso dell’ultima Stagione, non riusciranno mai ad avere lo stesso fascino dell’Endurance né riusciranno mai a mantenere incollati agli schermi gli appassionati così come avviene, ad esempio, durante le magiche ore della fase notturna della 24 Ore di Le Mans. Ma per un costruttore che va, un altro é pronto a succedergli; quindi adesso non ci resta che aspettare di vedere chi l’anno prossimo si darà battaglia per il dominio del WEC (sperando di non vedere solamente una lotta a due tra Porsche e Toyota – che fortunatamente ha deciso dopo Le Mans di non ritirarsi, come invece aveva paventato), aspettando anche un ritorno in grande stile della Casa di Ingolstadt, perché siamo sicuri (o almeno speriamo..) che nessuno in Audi abbia veramente pensato di dare l’addio definitivo a Le Mans…

L'addio choc di Audi al WEC ha diverse ragioni, ma sarà davvero la fine?

Andrea Orlando

Classe 1994, nato e cresciuto a Monza appassionato al mondo dei motori sin da bambino, soprattutto per quanto riguarda le auto. Il mio obbiettivo è riuscire a raccontare e trasmettere la mia passione in maniera semplice, diretta e avvincente.

“If in doubt, FLAT OUT !!”

Related posts

Leave a Comment