You are here
Aston Martin AM-RB 001: 0-320 in 10s e accelerazione laterale maggiore di uno Shuttle Latest news news Nuovi Modelli 

Aston Martin AM-RB 001: 0-320 in 10s e accelerazione laterale maggiore di uno Shuttle

Aston Martin AM-RB 001: 0-320 in 10s e accelerazione laterale maggiore di uno Shuttle
(All credit to “Aston Martin” official website)

Dimenticate tutto, o quasi, quello che sapete delle supercar a ruote coperte e provate ad immaginare una vettura GT con prestazioni superiori ad una vera Formula-1. Impossibile? Non esattamente. Perché mascherata dall’inconfondibile aplomb inglese, l’Aston Martin è pronta a riscrivere le regole del gioco con la AM-RB 001, una vettura semplicemente unica al cui progetto ha direttamente preso parte l’ingegnere della scuderia RedBull, Adrian Newey, ritenuto vero e proprio genio dell’aerodinamica ed uno dei progettisti più illuminati della storia della F1, grazie infatti a ben 9 Titoli mondiali piloti, 10 Titoli mondiali costruttori e addirittura 142 gran premi vinti.

Un’auto di questo tipo è difficile da classificare: con il filone inaugurato dalla Bugatti Veyron, e seguito poi da Koenigsegg, Ferrari, McLaren, Porsche e via discorrendo, potremmo incasellare la AM-RB 001 come una hypercar, ma qui c’è qualcosa di più. Perché ad impressionare maggiormente sono stati i dati recentemente rivelati, che vorrebbero la AM-RB 001 capace di arrivare da 0 a 320 km/h in soli 10 secondi e fermarsi completamente da tale velocità in appena 5. Roba da entrata ed uscita nell’iperspazio (per chi mastica di Star Wars).

Aston Martin AM-RB 001: 0-320 in 10s e accelerazione laterale maggiore di uno Shuttle

Ovviamente, per non rischiare il decollo (ed il collo), la pressione esercitata sulla vettura deve essere estremamente significativa; non a caso, anche questa volta si parla di qualcosa mai visto prima d’ora su un’auto destinata alla produzione in serie: l’aerodinamica sarà infatti in grado di generare poco meno di 2 tonnellate di down-force per tenere incollato questo mostro all’asfalto. Con un carico verticale di questo genere ci si può permettere accelerazioni laterali fino a 4g che, per dare un’idea, sono maggiori di quelle percepite da uno Space-Shuttle in partenza (3g).

I dati specifici del motore non sono ancora stati svelati completamente, anche perché con tutta probabilità il propulsore sarà in fase di perfezionamento, ma a quanto pare la AM-RB 001 monterà centralmente un possente V12 aspirato capace di erogare una potenza di 1000 CV, che abbinati al peso ridottissimo di circa 1000 Kg le conferiranno un rapporto peso-potenza di 1:1! Sì, avete capito bene, niente turbo né tecnologia ibrida, la AM-RB 001 sarà aspirata, e questo si tradurrà in un sound ben più che emozionante. Ma viene certamente da chiedersi come siano riusciti ad ottenere una simile accelerazione senza l’utilizzo di turbine o di motori elettrici aggiuntivi.

 

Aston Martin AM-RB 001: 0-320 in 10s e accelerazione laterale maggiore di uno Shuttle

Come dicevamo, la AM-RB 001 vede Adrian Newey  profondamente impegnato nello sviluppo di questo ambizioso progetto. L’apporto dell’ingegnere della Red Bull si può notare soprattutto nella conformazione e nella posizione delle prese d’aria e dei diffusori scavati nel monoscocca in fibra di carbonio, che snelliscono la linea e permettono di avere un assetto estremamente spinto e una resistenza fluidodinamica veramente molto bassa.

Al momento l’auto è stata solamente presentata al pubblico e per ammirare finalmente uno dei rari esemplari che usciranno dallo stabilimento britannico bisognerà aspettare fino al 2018. Due le versioni attese: 25 saranno infatti gli esemplari prodotti per il solo uso in pista mentre circa 150 saranno le vetture targate (perché definirle “stradali” risultava troppo ironico).

Ah, dimenticavo un piccolo particolare: il budget minimo per portarsi a casa questa specie di bat-mobile dovrebbe aggirarsi attorno ai 2.7 milioni di euro; ma come sempre accade, siamo sicuri che la casa inglese riuscirà a vendere tutti (o quasi) gli esemplari ancor prima della data di uscita.

Aston Martin AM-RB 001: 0-320 in 10s e accelerazione laterale maggiore di uno Shuttle

Andrea Orlando
Classe 1994, nato e cresciuto a Monza appassionato al mondo dei motori sin da bambino, soprattutto per quanto riguarda le auto. Il mio obbiettivo è riuscire a raccontare e trasmettere la mia passione in maniera semplice, diretta e avvincente.

“If in doubt, FLAT OUT !!”

Related posts

Leave a Comment