F1 news 

Rosberg domina le FP2, Hamilton va a muro. Ricciardo e Vettel inseguono

Cn-QcN_W8AI-7Ie

Si tinge d’Argento il venerdì del GP d’Ungheria. Come ampiamente prevedibile alla vigilia del GP, infatti, dopo una FP1 dominata dalle Mercedes anche la seconda Sessione di prove ha visto chiudere in testa una W07 Hybrid.

Se però al termine delle prime Prove Libere c’era Lewis Hamilton davanti a tutti, ora c’è Nico Rosberg: il tedesco chiude infatti con un 1’20”435 la propria Simulazione di Qualifica, rifilando quasi 6 decimi al primo degli inseguitori, che è un Daniel Ricciardo apparso in gran forma soprattutto per quel che riguarda la velocità sul giro secco. è Vettel, che dopo aver trascorso parecchio tempo ai Box per risolvere quelle che sembravano delle piccole noie tecniche, ha chiuso in 1’21”348, accusando 913 millesimi di ritardo dal crono del tedesco della Mercedes. è Verstappen, primo pilota a pagare più di 1″ di gap rispetto a Rosberg, che precede poi Lewis Hamilton: il #44 ha chiuso con largo anticipo la propria sessione a causa di un incidente che lo ha visto coinvolto in uscita di Curva 11, quando la sua W07 si è intraversata divenendo incontrollabile e spedendolo contro le barriere. Pochi danni – almeno visibili – ma in Mercedes hanno deciso di tenere la vettura ferma ai Box per analizzarla al meglio alla scoperta di eventuali danni meccanici, e così Hamilton ha potuto completare solamente 4 giri, chiudendo comunque in 1’21”960 con gomme Soft.

è Kimi Raikkonen, che paga 1″6 dalla cima della Classifica, tenendosi dietro le McLaren, ancora una volta in coppia con Alonso davanti a Button per meno di 60 millesimi di secondo. Top Ten che viene poi completata dal duo Force India, con Hulkenberg che stavolta chiude davanti a Perez, anche se staccato di 2″ dal tempo di Rosberg.

11° è Gutierrez, che inizia bene il proprio weekend nonostante non sia potuto scendere in pista nel corso delle FP1 per lasciare spazio a Charles Leclerc e che si tiene dietro Massa, Sainz – che si becca una reprimenda da parte dei Commissari di Gara per aver calpestato la linea bianca di ingresso in Pit Lane e che ha chiuso anzitempo la Sessione per un problema tecnico- e Bottas. Grosjean si piazza 15°, precedendo Kvyat, Magnussen (anche lui più positivo in questa FP2 rispetto al compagno di Team nonostante la sessione di Prove in meno) ed Ericsson. Le ultime due file virtuali dello schieramento sono infine occupate da Nasr, anche lui costretto a parcheggiare la propria monoposto nella via di fuga per via di noie tecniche, Palmer e dal duo Manor, con Wehrlein che stavolta si tiene dietro Haryanto.

Per quel che riguarda poi il passo gara, anche lì sembra essere piuttosto evidente la supremazia Mercedes, che con Rosberg ha girato in 1’24” alto non mostrando particolare degrado nelle gomme. Bene anche la Ferrari, soprattutto con Vettel e le SuperSoft – in grado di girare in 1’25” basso – che però in Ungheria sembra doversi guardare anche dalla RedBull, che con Verstappen è stata ancora più veloce rispetto alla SF16-H del tedesco.

Ecco la Classifica al termine delle FP2:

Cn-RTjQWcAQfBbt

Related posts

Leave a Comment