F1 news Senza categoria 

Imola ha l’accordo con Ecclestone per il 2017: il futuro del GP di Monza è segnato?

Non c’è pace, per il GP d’Italia del prossimo futuro. Sono mesi che si rincorrono voci riguardanti quello che sarà il circuito ospitante del Gran Premio di Formula 1 in Italia a partire dal prossimo anno. Si va dalla permanenza di Monza, passando per la totale assenza dal Calendario del Circus di una tappa italiana, fino al ritorno di Imola dopo un’assenza dalla scene della massima serie del Motorsport che perdura dal 2006, il tutto in un clima di confusione sempre più dilagante. Perché se da un lato Angelo Sticchi Damiani, il Presidente dell’ACI, continua a perorare la causa di Monza proponendolo come l’unico circuito in grado di ospitare validamente la tappa del Mondiale di F1, oggi diversi siti, tra cui spicca il solito Motorsport.com, battono la notizia secondo cui Imola avrebbe, dal canto suo, firmato una sorta di pre-contratto con Bernie Ecclestone.

Emissari dell’Autodromo intitolato a Dino ed Enzo Ferrari erano stati avvistati nel Paddock del GP di Silverstone, ma di certo in pochi si aspettavano uno sviluppo così drastico e rapido della vicenda. Sostanzialmente, Imola si è dichiarata disponibile ad ospitare il GP d’Italia a partire dal prossimo anno, e l’unico ostacolo che per ora permane all’ufficialità di questa soluzione è proprio la volontà di Sticchi Damiani, visto che è necessaria l’autorizzazione dell’ACI per dare il benestare ad un simile cambiamento. “Bernie sa che noi siamo disponibili” – ha detto Uberto Selvatico Estense, presidente di Formula Imola – “e ci ha inviato una proposta che noi abbiamo firmato e che abbiamo rispedito a lui. Saremmo veramente felici di avere la F1 di nuovo ad Imola, e tutti i nostri sforzi sono tesi in questa direzione”.

(c) f1grandprix.motorionline.com
(c) f1grandprix.motorionline.com

Come è facile evincere quindi dalle parole di Selvatico Estense, i contatti tra le due parti ci sono stati eccome. “Ora dipende solamente da Sticchi Damiani – ha poi proseguito il presidente di Formula Imola – “Penso sia una questione politica a questo punto. Abbiamo un accordo con Bernie, ed abbiamo bisogno solamente dell’approvazione dell’autorità sportiva nazionale. Se nel futuro l’Italia non avrà più un proprio GP di F1, sarà un problema del Signor Sticchi Damiani, che non ha consentito che questo accordo venisse portato a termine”. Un accordo che, in quanto stretto senza il coinvolgimento di uno degli aventi causa (l’Autodromo di Monza), potrebbe anche essere rivisto e condurre ad un’alternanza tra i due tracciati come quella che ha caratterizzato le Stagioni di F1 dell’immediato passato in Germania, con il Nurburgring ed Hockenheim che di anno in anno si scambiavano la presenza del GP.

Imola-Autodromo-Enzo_Dino-Ferrari-2

Imola, però, sembra voler iniziare – anche nell’ipotesi di alternanza – proprio a partire dal 2017. “Non penso che ci sia rimasto ancora molto tempo per decidere.”, ha continuato Uberto Selvatico Estense. Noi andremo avanti con i lavori, anche senza l’approvazione di Sticchi Damiani. Credo che abbiamo, al massimo, fino a dicembre, anche se sarebbe sicuramente meglio saperlo prima in modo tale da avere un anno per promuovere la Gara”. La posizione dell’Autodromo emiliano, a dire la verità, sembrerebbe a primo acchito più solida e stabile di quella del tracciato brianzolo: se infatti Monza naviga in non felici acque economiche ormai da parecchi anni a causa di una gestione delle risorse che definire poco oculata è un eufemismo, Selvatico Estense nella sua intervista rilasciata a Motorsport.com ci tiene a far sapere che, dopo aver riorganizzato l’organico della società che gestisce Imola, gli ultimi due bilanci dell’autodromo si sono chiusi in attivo, mettendo quindi la pista in buone condizioni per ospitare un GP, riuscendo anche ad accontentare le pretese non sempre futili di Ecclestone.

“Crediamo che Imola possa avere un grande successo in termini di spettatori. – ha chiuso poi Selvatico Estense – “Stiamo costruendo nuove strutture, una nuova Sala Stampa e stiamo completando il progetto di Hermann Tilke che ha avuto inizio a partire dal 2006. Attualmente stiamo spostando il Centro Medico e ne stiamo costruendo uno nuovo, stiamo davvero facendo parecchio”.

La mossa di Imola è stata fatta. Loro, l’accordo per ospitare il GP d’Italia nel prossimo futuro, ce l’hanno, e in più Bernie sa che si andrebbe a correre in un tracciato che dal punto di vista storico (e di prestigio) non è così inferiore a Monza e che soprattutto offre delle garanzie economiche – anche la Regione Emilia-Romagna si è detta favorevole ad ospitare l’evento – che invece Monza latita un po’ a dare. La palla, ora, passa ad Angelo Sticchi Damiani. Che forse non si aspettava di dover affrontare una simile patata bollente così presto.

download

 

Related posts

Leave a Comment