Il Sachsenring apre assediato dalla pioggia e dai piloti italiani. Cade Jorge LorenzoMotoGP news 

Il Sachsenring apre assediato dalla pioggia e dai piloti italiani. Cade Jorge Lorenzo

Il Sachsenring apre assediato dalla pioggia e dai piloti italiani. Cade Jorge Lorenzo

Al Sachsenring, il week-end incomincia nel nome della pioggia, poiché le tante nuvole che hanno sovrastato il tracciato tedesco fin dall’inizio delle FP1, hanno dato inizio alla precipitazione a circa un quarto d’ora dal termine del tempo previsto per la sessione di Libere, con i piloti che per prudenza hanno quindi optato per rientrare ai box.

Tra le (poche) cose significative di questa prima sessione di Libere, è stato il debutto della nuova gomma slick asimmetrica che Michelin ha portato in Germania proprio per far fronte alle tantissime curve verso sinistra di cui è composto il tracciato tedesco, ma a quanto pare – dopo anche tre cadute alla curva 11 – il giudizio su queste nuove coperture asimmetriche non è stato troppo positivo.

Parlando invece dei primi tempi – rimasti comunque ancora molto alti – stranamente non è stata una Honda a svettare in queste FP1: al contrario, è stato infatti Andrea Iannone il pilota più veloce del turno ed anche l’unico a scendere sotto il muro dell’ 1’24”, bloccando il cronometro in 1’23”702. Tempo che è valsa al ducatista la prima posizione della classifica davanti a Marc Marquez, il quale ha pagato ben 4 decimi di ritardo dall’antico rivale della Moto2. Notevole prestazione poi per un altro ducatista, ovvero Danilo Petrucci, portatosi in 3° posizione grazie al proprio best-lap in 1’24”157, accusando così appena 41 millesimi di ritardo dalla favoritissima RC213-V di Marquez.

Continua poi l’assedio dei piloti italiani nell’alta classifica delle Libere-1, perché la 4° posizione è andata a Valentino Rossi, che è riuscito a portare la sua Yamaha M1 a bloccare il cronometro in 1’24”279, ovvero un tempo che gli ha garantito per 71 millesimi di vantaggio la quarta posizione davanti ad Andrea Dovizioso, 5° in sella alla sua Ducati GP16. Alle spalle del forlivese, quindi, sopraggiunge la Yamaha di Pol Espargarò (6°) – Yamaha Tech3 che dall’anno prossimo passerà alle cure del futuro rookie Zarco – , mentre la prima tra le moto di Hamamatsu è la GSX-RR di Maverick Vinales, oggi in 7° posizione a quasi 9 decimi di ritardo dalla prestazione del pilota di Vasto.

Cal Cruthclow è autore dell’8° tempo davanti alla seconda delle Suzuki, ovvero quella di Aleix Espargarò (9° a ben un secondo e mezzo di ritardo da Iannone), precedendo inoltre la Ducati Aspar di Yonny Hernandez, che chiude la Top10. Decisamente attardati gli altri top-rider, con Dani Pedrosa che non va oltre alla 11° posizione, mentre va ancora peggio per lo spagnolo della Yamaha, Jorge Lorenzo, che chiude con il 12° tempo a +1.651 dalla vetta e colleziona anche una caduta che fortunatamente non ha lasciato conseguenze. Cade anche il pilota di casa Stefan Bradl.

RISULTATI COMPLETI MOTOGP FP1 SACHSENRING 2016

Umberto Moioli

Sono nato a Monza il 9 gennaio 1993, ed ho iniziato a frequentare il paddock fin dalla più tenera età grazie a mio padre, ex pilota e team manager. Amo le corse, scrivere, e guidare tutto ciò che è scomodo, rumoroso e soprattutto veloce. Sono appassionato di roba Old-School e ho una visione parecchio romantica delle Corse.

Related posts

Leave a Comment