F1 news 

Hamilton è inarrestabile: Pole e Record della pista! Inseguono le RB, 11° Vettel

Pole Position e nuovo Record della pista. Lewis Hamilton è il vero mattatore del weekend inglese, almeno fino a questo momento, grazie al suo 1’29”287, un crono che relega Nico Rosberg a quasi 4 decimi di distacco e che lo rende il principale favorito per la vittoria nella Gara di domani. Una Gara che però probabilmente sarà bagnata, e quindi occhio anche alle due RedBull che monopolizzano la seconda fila e che potrebbero dire la loro, con Verstappen davanti a Ricciardo. 5° è Raikkonen che, nonostante qualche errore di troppo durante il Q2, chiude davanti ad un Vettel che sarà costretto a scattare addirittura 11° domani a causa delle 5 posizioni di penalità comminategli per aver sostituito il cambio. Bene poi Hulkenberg, Sainz ed Alonso, mentre deludono Massa e Jenson Button. Ecco la cronaca completa:

In Q1 scendono da subito tutti in pista con gomme Soft, la mescola più morbida tra le 3 portate da Pirelli per questo weekend. In parecchi effettuano diversi giri in sequenza calzando le stesse gomme, mentre davanti i due Mercedes iniziano da subito a dettare legge, con Rosberg che per la prima volta nel corso di questo weekend riesce a mettere le ruote davanti al proprio compagno di Team, anche se soltanto di 15 millesimi. La Q1 scorre via abbastanza tranquilla, con pochi colpi di scena, visto che le tanto paventate cancellazioni di tempi dovute al superamento dei “Track Limits” mietono pochissime vittime (solamente la coppia Renault). Gli esclusi, oltre ad Ericsson che non ha proprio preso parte alla Qualifica sia perché la sua Sauber era ancora semi-distrutta sia perché lui stesso è stato portato in Ospedale per degli accertamenti, sono Button – i cui problemi al fondo piatto gli hanno impedito di migliorarsi dopo il primo tentativo -, Palmer, Haryanto, Wehrlein e Nasr.

Ecco la lista dei tempi al termine della Q1:

Cm7F4YgXgAE9kSe

Nella Q2 la superiorità Mercedes diventa ancora più imbarazzante: Hamilton, pur andando oltre i limiti della pista con tutte e 4 le ruote, stampa un clamoroso 1’29”243 che gli permette di staccare di 727 millesimi Nico Rosberg, con il primo degli inseguitori – Verstappen – ad addirittura 1”454. La lotta quindi infuria dietro, tra i piloti che devono giocarsi l’accesso alla Q3, nella quale con qualche patema di troppo entra Kimi Raikkonen, che ha bisogno di un doppio tentativo visto che nel suo primo giro veloce era finito in testacoda. Negli ultimi secondi la Classifica viene stravolta, con Alonso e Sainz che si issano “giustiziando” nelle fasi finali Perez, Massa, Grosjean, Gutierrez e Kvyat.

Ecco la lista dei tempi al termine della Q2:Cm7JWCzWcAAkISpIn Q3 il primo a far segnare il crono è Rosberg, che si prende la Pole provvisoria. Pole che dura però pochissimo, il tempo di far arrivare anche Hamilton sul traguardo, visto che l’inglese si prende la prima posizione con un gran tempo, che gli permette di rifilare oltre 4 decimi al crono del compagno di Team. Ma la sorpresa arriva pochi secondi dopo, quando la Race Direction decide di annullare il crono del #44, “reo” di aver oltrepassato i Track Limits in uscita dalla Copse. La Pole diventa così di Nico Rosberg, ma Hamilton non ci sta e con il suo secondo tentativo chiude un altro giro mostruoso – nonché nuovo record della pista – in 1’29”287, un tempo inarrivabile per chiunque altro, compreso il #6 che si deve accontentare di una seconda posizione, staccato però di quasi mezzo secondo. Seconda fila tutta RedBull, con Verstappen – al quale è stato cancellato l’ultimo crono – davanti a Ricciardo ed entrambi ad inseguire le Frecce d’Argento, anche se a più di un secondo di ritardo. Terza fila tutta Ferrari, ma mentre Raikkonen potrà partire dalla quinta posizione ottenuta, Vettel scatterà domani addirittura dalla undicesima casella, visto che il problema al cambio accusato al termine delle FP3 ha portato ad un’ulteriore sostituzione della trasmissione sulla Ferrari #5 con conseguenti 5 posizioni di penalità. è Bottas, davanti ad Hulkenberg, Sainz ed Alonso, con il tedesco e l’asturiano che non sono riusciti a migliorarsi con il proprio ultimo tentativo dato che anche a loro la Race Direction ha annullato il crono.

Ecco la Griglia di partenza del GP d’Inghilterra (manca la retrocessione di 5 posizioni per Sebastian Vettel):

Cm7N0QpWcAEcows

 

 

Related posts

Leave a Comment