Beffando Davies, è Lowes che si aggiudica le FP1 di Laguna Seca. Male Sykesnews WSBK 

Beffando Davies, è Lowes che si aggiudica le FP1 di Laguna Seca. Male Sykes

Beffando Davies, è Lowes che si aggiudica le FP1 di Laguna Seca. Male Sykes

Dopo aver dato vita ad uno splendido Time-Attack finale, ad aprire al top il week-end californiano di Laguna Seca è stato un inaspettato Alex Lowes, riuscito infatti a far girare fortissimo la sua Yamaha R1 fin da subito, tanto da concludere il primo turno di Libere con un tempo di 1’23”912, beffando così proprio il vincitore della scorsa edizione Chaz Davies, che chiude in 2° posizione attardato di poco più di un decimo ma confermando le ottime prestazioni della Ducati 1199 Panigale R sul difficile tracciato statunitense.

Finale di sessione, poi, che ha permesso al Campione del Mondo in carica di scalare alcune posizioni e portandosi quindi a firmare il 3° tempo delle Libere-1 (+0.073 dal connazionale della Yamaha), valicando così quello che a pochi minuti dal termine era rimasto in seconda posizione, ovvero il giovanissimo olandese Michael VD Mark, che chiude perciò in 4° posizione, ma soprattutto tenendosi alle spalle colui che a Laguna Seca è cresciuto e si è fatto un nome: Nicky Hayden. Il pilota americano, infatti, si è fermato in 5° posizione, ma anche se si trattava solamente della prima battuta del week-end, da “Kentucky Kid” ci si aspettava decisamente di più, soprattutto perché è la sua pista di casa e sulla CBR ha ormai già molti km di esperienza.

Sesta posizione per la Ducati del team Barni affidata allo spagnolo Xavi Fores, alle cui spalle invece sopraggiunge un encomiabile Niccolò Canepa (7°) chiamato a sostituire l’ancora convalescenti Sylvain Guintoli sulla Yamaha R1. Risale poi in 8° posizione, proprio sul finale, lo spagnolo Jordi Torres, alla guida della BMW S1000RR allestita da Althea, trascinandosi così dietro il pilota romano Davide Giugliano (9° a quasi un secondo di ritardo dalla prestazione di Lowes) ed infine Tom Sykes: il pilota della Kawasaki, infatti, non è riuscito a trovare il giusto setting – e quindi il ritmo – per tutta la durata delle Libere-1 e nonostante le ben 26 tornate completate, il britannico non è riuscito a spingere sotto il proprio miglior tempo di 1’24”966.

Stupisce il sempre più in forma Lorenzo Savadori che, alla sua prima apparizione a Laguna Seca, è riuscito a concludere il primo turno di Libere in 11° posizione, portando infatti la sua Aprilia RSV4 RF a chiudere il proprio miglior passaggio in 1’24.978, rifilando così un decimo e mezzo al compagno di squadra Alex De Angelis, che chiude in 12° posizione. A seguire si sono classificati Ramos (13°), Abraham (14°), West (15°), Brookes (16°), De Rosa (17°) e Schmitter (18°). Rimane fuori dalla classifica il portacolori della casa varesina, Leon Camier.

Umberto Moioli

Sono nato a Monza il 9 gennaio 1993, ed ho iniziato a frequentare il paddock fin dalla più tenera età grazie a mio padre, ex pilota e team manager. Amo le corse, scrivere, e guidare tutto ciò che è scomodo, rumoroso e soprattutto veloce. Sono appassionato di roba Old-School e ho una visione parecchio romantica delle Corse.

Related posts

Leave a Comment