F1 news 

Nico Rosberg nel GP d’Austria partirà 6°. E la “colpa” è di Sebastian Vettel

Il secondo tempo ottenuto nelle Qualifiche di ieri, unito alle 5 posizioni di penalità che gli erano state comminate a seguito della sostituzione del cambio, avrebbe dovuto portare Nico Rosberg a partire dalla settima casella dello schieramento in occasione del GP d’Austria che si correrà oggi.

Invece il tedesco della Mercedes scatterà sesto, senza che nessun’altro oltre a lui e Vettel nei primi 10 subisse una penalizzazione. Questo perché il sistema di completamento della griglia di partenza della FIA tiene conto di tutte le penalità, ma nell’ordine con il quale esse sono state ottenute. E solo dopo viene formata la griglia vera e propria. Quindi, tra Vettel e Rosberg, il primo ad essere stato portato indietro di 5 caselle sullo schieramento è stato proprio il tedesco della Ferrari, che ha lasciato libero il suo 4° posto. A quel punto, Rosberg è stato a sua volta retrocesso di 5 posizioni, ma anche lui, finendo dietro alla quarta posizione di Vettel, ha beneficiato dell’avanzamento come tutti gli altri piloti che si trovavano alle spalle della Ferrari #5, passando quindi dalla settima alla sesta casella dello schieramento.

Potrebbe anche sembrare un vantaggio da poco, così a prima vista. Ma un avanzamento che significa un passaggio dalla quarta alla terza fila e l’allontanarsi un po’ di più dal gruppone che arriverà lanciato alla frenata della prima curva, in un Mondiale dove qualsiasi punto conta, non è mai un vantaggio di poco conto.

 

 

 

Related posts

Leave a Comment