London ePrix, gran finaleFormula E news 

Formula E, Londra: è arrivata la resa dei conti. Anteprima e orari TV

London ePrix, gran finale

Questo fine settimana si conclude la Formula E. Dopo una stagione a cavallo dell’inverno e della primavera, finalmente arriviamo a un focoso duello finale tra Sebastien Buemi e Lucas Di Grassi. I due piloti si contenderanno il titolo piloti per le strade di Londra, in un doppio appuntamento che vede in palio 50 punti. A separarli, soltanto un misero punticino.

DATA E ORARI TV. Il London ePrix si terrà in due corse distinte (unico appuntamento della stagione che si articola col format della doppia gara). Il primo ePrix si terrà sabato 2 luglio e verrà trasmesso su Rai Sport 2 alle 16.50 (con replica alle 21.30, anche su Rai Sport 1). Il secondo ePrix si correrà il giorno dopo, domenica 3 luglio: anche questo andrà in onda su Rai Sport 2 alle 16.45 (con replica alle 20.00, anche su Rai Sport 1).

IL TRACCIATO. 17 curve che si snodano per le strade della capitale inglese, per un totale di 2,925km. Ciascuna corsa durerà 33 giri, ovverosia 96,525 km. E siccome anche l’anno passato c’è stato il format della doppia gara, due sono i passati vincitori: Sebastien Buemi e Sam Bird. Un elemento a favore dello svizzero, che anche quest’anno si gioca il titolo (ma l’anno passato lo perse ugualmente). I record appartengono a Stephane Sarrazin (1:23:901, qualifica) e a Sam Bird (1:26:790, gara). Proprio Bird descrive il tracciato come «tricky» (insidioso) per le sue chicane e, soprattutto, per l’inclinazione della curva 1 – necessaria per drenare la pioggia, una costante oltre la Manica…

London ePrix

IL PUNTO DEL CAMPIONATO. Sebastien Buemi ha perso molti punti: alcuni li ha gettati lui, altri se li è succhiati la sua non affidabilissima Renault. Morale della favola: lo svizzero era il grande favorito quest’anno, ma è fermo a quota 140 punti, mentre Lucas Di Grassi, 141 lunghezze in classifica, guida la graduatoria grazie a un’annata fantastica in cui ha dimostrato una grinta senza precedenti. È tra loro due che si giocherà la lotta per il titolo, visto che gli altri concorrenti sono ormai tagliati fuori dall’aritmetica. Più tranquilla la situazione in classifica marche, con la Renault a controllare i 10 punti di vantaggio sull’Audi e convinta di poter puntare sulla superiorità di Nicolas Prost sul gregario germanico, Daniel Abt.

IL MERCATO. Se è notizia che Sam Bird sembra intenzionato a rimanere con la DS Virgin, abbiamo già detto che Antonio Felix Da Costa potrebbe entrare nell’Amlin Andretti al posto di Simona De Silvestro. Ma più importante per l’economia del campionato è l’accordo che mette la parola «fine» all’avventura del Team Aguri in Formula E. Motorsport.com riporta che Chinese Media Capital ha acquistato la squadra per farne un team clienti Renault, nell’ottica di portare la Nissan nella serie tra qualche anno. Qing Ma dovrebbe restare anche l’anno prossimo: resta il punto interrogativo sul suo compagno di squadra. In più, la FIA ha riaperto il mercato F1 ai competitors della F.E, includendola nella tabella dei punti per la Superlicenza: adesso la formula elettrica pesa quanto l’EuroF3 o la IndyCar.

PRONOSTICO. Scommettere su una nuova sconfitta di Sebastien Buemi sarebbe sadico, ma bisogna ammettere che la sua vettura continua a peccare di inaffidabilità. Tuttavia, se riuscirà a dimostrarsi sufficientemente solida, non dovrebbe essere difficile per l’elvetico (specie se aiutato dal compagno Prost) a incassare il suo primo titolo elettrico. Ma Lucas Di Grassi meriterebbe moltissimo la vittoria finale, ha una vettura veloce e resistente, e potrebbe rivelarsi un osso duro…

Related posts

Leave a Comment