La leggenda dell' "Ultima Modifica": Peter Pentell e la Lancia Delta LaSupraCuriosità news Photo Gallery & Video 

La leggenda dell’ “Ultima Modifica”: Peter Pentell e la Lancia Delta LaSupra

La leggenda dell' "Ultima Modifica": Peter Pentell e la Lancia Delta LaSupra

Se c’è una leggenda nell’ambiente degli appassionati di motori, ebbene quella riguarda la cosidetta “Ultima Modifica”. Tutti l’hanno menzionata almeno una volta nella vita ma sembra infatti che nessuno sia mai riuscito davvero a mettere in pratica il “Okey, è stata l’ultima modifica. Ora è finita.” Una leggenda che Peter Pentell conosce molto bene…

Pentell, infatti, è uno svedese che nel 2001 comprò una Lancia Delta Integrale EVO 1 del 1992 completamente stock, da usare anche come daily-car. Ma la passione e qualche uscita in pista o tra i boschi della Scandinavia fecero imboccare a Pentell un tunnel senza uscita, perché non sapeva dove lo avrebbero portato le prime modifiche apportate alla sua Delta.

Da piccoli miglioramenti, Pentell incominciò a sognare sempre più in grande iniziando ad avere la visione di quella che per lui sarebbe dovuta essere la macchina definitiva da Time-Attack e da Hill-Climb. Fu così che nella sua mente iniziarono a susseguirsi una serie di idee e di progetti, volti a rendere la sua macchina sempre più veloce; idee che lo portarono all’acquisto del 3.0 L turbo 6-cilindri dell’iconica Toyota Supra da installare al posto del  2.0 L turbo della Delta; addio quindi alla trazione integrale, che diventò così una posteriore, in accordo con la migliore tradizione nipponica, mentre il cambio venne aggiornato con un rapidissimo e performante sequenziale a sei rapporti. Ma per sopportare la potenza del propulsore Toyota, la Delta avrebbe necessitato di un up-grade deciso al telaio: fu così che Pentell progettò di suo pugno un telaio tubolare completo di gabbia anti-ribaltamento, che rappresenta un vero e proprio capolavoro di tecnica ed artigianato.

Oltre a tutto ciò, Pentell non poteva permettersi di non mettere mano al reparto sospensioni, e fu così che sulla sua Delta, che ormai aveva preso il nome di “LaSupra”, comparve lo schema push-rod, presente ormai su tutte le super-car ed hyper-car più recenti, andando ad installare gli Ohlins presi da una Porsche 911 GT3 RSR. Come tocco finale, ovviamente, Pentell modificò completamente anche l’esterno della vettura, adottando un body-kit così estremo da fare invidia alle vetture che gareggiano sulla Pikes-Peak. Se vi steste chiedendo cosa è rimasto di originale, lo svedese ha dichiarato che solamente il telaietto del parabrezza non è stato toccato. Semplicemente pazzesco!

Se siete curiosi di vederla all’opera (anche se ci sono già alcuni video su youtube), “LaSupra” darà spettacolo questa settimana al GoodWood Festival of Speed!

[Photography by Tom Shaxson]

Related posts

Leave a Comment