Che doppietta Kawasaki a Misano, con Rea che bissa davanti a Sykes. Paura per Daviesnews WSBK 

Che doppietta Kawasaki a Misano, con Rea che bissa davanti a Sykes. Paura per Davies

Che doppietta Kawasaki a Misano, con Rea che bissa davanti a Sykes. Paura per Davies
Jonathan Rea vince e bissa a Misano (Ph by Andrea Bonora per Italian Wheels)

In una calda giornata tipica della riviera romagnola, la domenica della Superbike a Misano è stata l’ennesimo trionfo del dream team di Akashi, perché Rea e Sykes ancora una volta hanno fatto un altro sport rispetto agli avversari, prendendo il largo fin dalla primissima variante e conducendo così una gara diventata una lunga bagarre serrata e dal gusto assolutamente esclusivo. A differenza però della prima manche, Tom Sykes si è reso protagonista subito dopo la prima staccata di una manovra da enciclopedia del motociclismo, recuperando in un unico cambio di direzione, addirittura all’esterno, prima sulla Yamaha di Alex Lowes e quindi sul proprio compagno di squadra, Jonathan Rea, per cercare di scongiurare quanto avvenuto nella gara di sabato, quando il nordirlandese era riuscito a vanificare ogni attacco del #66, portando a termine una strenua difesa che gli avrebbe infine regalato una vittoria in volata.

Presa così la leadership della corsa (mentre nelle retrovie si consumava un primo momento di panico con un highside di Reiterberger che volava in aria ed atterrava a terra proprio in mezzo al gruppone) Tom Sykes ha cercato di allungare subito sul proprio compagno di squadra, forte anche della prima posizione nel warm-up del mattino, ma Rea era altrettanto a posto con la sua Ninja, riuscendo così a rimanere attaccato all’impianto di scarico della moto del compagno di squadra. Scorrono via veloci tutti i 21 giri previsti, ma proprio sul finale a 2 passaggi dal termine, Rea prende le misure e riesce a passare con grande forza Sykes proprio nello stesso punto in cui l’iridato del 2013 passò l’attuale Campione del Mondo alla prima curva dopo il semaforo verde di Gara-2. Un sorpasso che si è tradotto in un duro colpo psicologico a Tom Sykes che da lì in poi non è più riuscito a mantenersi a contatto con la Ninja di Rea, o forse non lo ha neanche voluto, preferendo lasciarlo andare con la sicurezza di avere la seconda posizione in cassaforte.

Che doppietta Kawasaki a Misano, con Rea che bissa davanti a Sykes. Paura per Davies
Davide Giugliano – Ducati Panigale 1199R | Misano SBK Gara-2 | (Ph by Andrea Bonora per Italian Wheels)

Al traguardo è quindi Rea a passare per primo sotto la bandiera a scacchi, bissando così il successo ottenuto nella giornata di sabato; stesso risultato pure per Tom Sykes, ancora una volta sul secondo gradino del podio, che dopo oggi sale così a 277 punti nella Classifica iridata, mentre Rea allunga fino a 343. Sale sul podio infine un bravissimo Davide Giugliano, che si fa perdonare della scivolata di Gara-1 con una prestazione impeccabile. Il pilota romano è stato infatti veloce per tutto l’arco dei 21 giri, ma a Misano però le Ninja avevano un altro passo e Giugliano si è così dovuto accontentare di un terzo meritatissimo posto. Cade invece Chaz Davies, nello stesso punto in cui ieri andò a terra Giugliano. Grande paura però per l’inglese che si trovava in bagarre con l’olandese Michael VD Mark, il quale per una manciata di centimetri riesce ad evitare di colpire il casco (e quindi la testa) del pilota della Ducati. Caduti quindi entrambi, ma illesi, sia VD Mark che Davies sono riusciti a risalire in moto, ma la Panigale R ha accusato un più grosso danneggiamento all’anteriore, costringendo così il gallese a dare forfait.

Ottima prestazione poi anche per la Ducati di Xavi Fores, riuscito a sopraggiungere al traguardo in 4° posizione, accusando dalla Ninja di Rea appena 11 secondi, un risultato che la dice lunga su come si stia lavorando all’interno del team Barni. E si rifà anche Lorenzo Savadori, che chiude Gara-2 in 5° posizione, dimostrando un sempre più grande affiatamente con la RSV4 RF del team Ioda e soprattutto facendo registrare una sua sempre più esponenziale crescita come pilota. Nicky Hayden invece è il primo delle Honda, concludendo la seconda manche del week-end in 6° posizione, precedendo la BMW dello spagnolo Jordi Torres (7°), la Yamaha R1 di Alex Lowes, quindi la Yamaha affidata a Canepa (9°) ed infine Michael VD Mark che chiude la Top-10.

QUI LA CLASSIFICA COMPLETA DI GARA-2 SBK MISANO

Related posts

Leave a Comment