Clamoroso: Yamaha lascia a piedi Pol Espargarò. Come cambia la griglia 2017MotoGP news 

Clamoroso: Yamaha lascia a piedi Pol Espargarò. Come cambia la griglia 2017

Clamoroso: Yamaha lascia a piedi Pol Espargarò. Come cambia la griglia 2017

Clamoroso: a poche ore dall’inizio del week-end spagnolo di Barcellona, e soprattutto dopo la riconferma nel team ufficiale di Iwata per l’impegno alla 8 Ore di Suzuka, la Yamaha ha annunciato la conclusione del rapporto con lo spagnolo Pol Espargarò al termine di questa stagione sportiva.

“Yamaha Motor Co. Ltd. vuole ringraziare Espargaro per i suoi successi sportivi”, si legge nella nota stampa diramata da Iwata. “La società desidera augurare al pilota il meglior futuro agonistico. Yamaha e Monster Tech3 continueranno a mettere il loro massimo impegno nella stagione 2016 con la speranza di condividere con Espargaro ancora momenti da ricordare”. Termina il comunicato, “Il suo sostituto sarà annunciato a tempo dedito”.

Attualmente in forze alla compagine francese di Hervé Poncharal, il team Tech3, Pol Espargarò sarà quindi il secondo pilota del team satellite di Iwata a lasciare la struttura, perché Bradley Smith era già stato messo sottocontratto dalla KMT per il biennio 2017-18, sostituito per le prossime stagioni dal tedesco Jonas Folger, attualmente in Moto2 alla guida della Kalex del team Dynavolt Intact GP. E proprio dalla Moto2 potrebbe (e dovrebbe) arrivare il nuovo pilota del team francese, che a quanto sembra starebbe per far firmare il francese Alex Rins, al quale non dovrebbe essere andata in porto la trattativa con la Suzuki. Ripartirà quindi con una squadra completamente nuova il team Tech3, che avrà così il compito di “svezzare” due giovani leve per gli anni a venire, facendosì però carico di un compito che risulterà certamente difficoltoso e se già quest’anno i risultati tardano ad arrivare, è facile pensare che per – almeno – il 2017 sarà un’annata ancora più dura. 

Per Pol Espargarò, quindi, ora si apre l’incognita per i prossimi due anni, perché sul suo piatto ora rimangono due offerte: da una parte ci sarebbe infatti la KTM, pronta a far  debuttare la RC16. Nella struttura tedesca – che ha capitali e voglia di arrivare ai vertici – “Polyccio” ritroverebbe il vecchio compagno di squadrea Bradley Smith, con il quale vinse lo scorso anno la 8 Ore di Suzuka, e soprattutto avrebbe tra le mani una moto ufficiale ed un progetto che ha come obiettivo il Titolo Mondiale (anche se la strada sarà lunga). Ma la squadra austriaca ha però sul tavolo anche lo svizzero Thomas Luthi, da tempo in orbita KTM; ma a discapito di Luthi ci sarebbero i suoi 29 anni contri i 24 di Espargarò, che potrebbe così essere preferito anche per un progetto a più lunga scadenza.

Dall’altra parte, il team Avintia non soltanto sta corteggiando da qualche tempo il pilota spagnolo, ma l’intenzione sarebbe quella di avere un trattamento factory per il 2017, avendo ad inizio stagione lo stesso pacchetto di Jorge Lorenzo ed Andrea Dovizioso, da affidare preferibilmente ad Hector Barbera (mai forse davvero così in forma come in questa stagione in sella ad una decisamente attempata GP14.2) e a Pol Espargarò. A caldeggiare ciò c’è anche Paolo Ciabatti, che ha confermato l’indiscrezione: “Pol Espargarò ci piace. L’ideale sarebbe quello di metterlo sotto contratto factory, ovvero con Ducati Corse e farlo correre con Avintia in sella ad una Desmosedici molto simile a quella di Lorenzo e Dovizioso”.

Parlando poi sempre di mercato, voci dal Paddock del Mugello vorrebbero un Lucio Cecchinello sempre più scontento dei risultati delle Honda e del trattamento ricevuto da Tokyo; una situazione che (sempre secondo le voci) lo vorrebbero più vicino alla Suzuki, perché la Casa di Hamamatsu sarebbe già da tempo alla ricerca di una squadra per creare il proprio team satellite. LCR dal 2017 potrebbe così schierare una GSX-RR e Cal Crutchlow che, attualmente però sottocontratto direttamente con HRC, potrebbe essere lasciato a piedi da Tokyo nel caso i risultati ottenuti a fine anno non fossero all’altezza delle aspettative. In questo caso l’inglese potrebbe tranquillamente salire in sella alla Suzuki e proprio con una simile operazione, LCR potrebbe anche tornare a schierare due moto, riprendendosi magari anche Miller, che attualmente non sta facendo bene all’interno del team Marc VDS Honda. Team per altro scontento anche dal rendimento dell’ex-Campione del Mondo Moto2 Tito Rabat. E come se tutto questo non bastasse, Aprilia, dopo essersi assicurata Sam Lowes per il 2017, dovrà adesso decidere chi tenere tra Alvaro Bautista ed il tedesco Stefan Bradl.

SITUAZIONE PILOTI-TEAM MOTOGP 2017

 

TEAM UFFICIALI:

Yamaha Movistar: VALENTINO ROSSI – MAVERICK VINALES
Honda Repsol: MARC MARQUEZ – DANI PEDROSA
Ducati Corse: JORGE LORENZO – ANDREA DOVIZIOSO
Suzuki Ecstar: ANDREA IANNONE – (A.Espargarò, Rins o Zarco ?)
Aprilia Gresini: SAM LOWES – (Bradl o Bautista ?)
KTM: BRADLEY SMITH – (P.Espargarò o Luthi ?)

TEAM SATELLITI:

Tech3 Yamaha: JONAS FOLGER – (Rins o Zarco?)
LCR Honda: CAL CRUTCHLOW
Marc VDS Honda: (Miller, Rabat o Rins ?)
Pramac Ducati: (Redding, Petrucci – da confermare)
Aspar Ducati: (Laverty, Hernandez – da confermare)
Avintia Ducati: (P.Espargarò, Barberà o Baz ?)

 

Umberto Moioli

Sono nato a Monza il 9 gennaio 1993, ed ho iniziato a frequentare il paddock fin dalla più tenera età grazie a mio padre, ex pilota e team manager. Amo le corse, scrivere, e guidare tutto ciò che è scomodo, rumoroso e soprattutto veloce. Sono appassionato di roba Old-School e ho una visione parecchio romantica delle Corse.

Related posts

One Thought to “Clamoroso: Yamaha lascia a piedi Pol Espargarò. Come cambia la griglia 2017”

  1. […] si qualifica il chiacchierato Pol Espargarò (4°) – lasciato ieri libero dalla Yamaha (Leggi Qui) a partire dalla chiusura del 2016 – che sul circuito del Montmelò sembra aver ritrovato […]

Leave a Comment