F1 news 

Vettel e la Ferrari reagiscono in una FP3 combattuta sul filo dei millesimi

CjiSVOUUUAAMdQZ

Se le FP3 sono davvero il preludio delle Qualifiche, allora oggi dalle 14:00 c’è il rischio di non potersi perdere neppure un minuto di quello che accadrà sulle stradine del Principato di Monaco. Perché se le Mercedes si confermano veloci, le RedBull non sono assolutamente da meno e, soprattutto, rispetto al giovedì c’è il ritorno prepotente delle Ferrari, soprattutto grazie a Sebastian Vettel.

E’ il tedesco vestito di rosso infatti a prendersi il miglior tempo in queste FP3 grazie al suo 1’14”650 realizzato su gomme UltraSoft: non c’è paragone, soprattutto per il #5, rispetto a quanto visto in occasione di FP1 ed FP2 di giovedì, dove un problema al fondo piatto della sua SF16-H aveva praticamente reso inguidabile la sua Ferrari. Stavolta invece tutto sembra funzionare alla perfezione per Vettel – tranne per un brivido dovuto ad una sbandata piuttosto volante nella frenata dopo il Tunnel -, e lo dimostra il fatto che entrambe le Mercedes W07 Hybrid siano dietro, con Lewis Hamilton distante soltanto 18 millesimi e Rosberg più attardato di poco più di un decimo. Dopo la Ferrari e le due Mercedes arriva poi lo squadrone RedBull: Ricciardo, con la sua PU Renault aggiornata, pur non ripetendo la prestazione monstre di giovedì si porta in quinta posizione mettendo in mostra una grande velocità, così come Max Verstappen che però, nel tentativo di migliorarsi, a pochi minuti dalla fine è andato contro le barriere a Massenet, riportando per sua fortuna pochissimi danni e riuscendo addirittura a tornare autonomamente ai Box.

Alle spalle di Ricciardo e Verstappen arrivano poi lanciatissime le due Toro Rosso: l’ottimo telaio della Scuderia faentina si mette in luce tra le stradine di Monaco, e Kvyat e Sainz dimostrano di saper sfruttare al meglio la situazione artigliando rispettivamente la sesta e la settima posizione. Buona anche la prestazione delle Force India, entrambe nella Top Ten: Perez, nonostante un lungo al Mirabeau, chiude in ottava posizione, mentre Hulkenberg chiude 10° a dispetto di qualche difficoltà di troppo nella frenata della chicane del Tunnel. Tra le due VJM09 si piazza invece l’altra Ferrari, quella di Kimi Raikkonen: il finlandese oggi è apparso più in difficoltà rispetto al giovedì e nonostante delle modifiche effettuate sulle sospensioni anteriori non è riuscito ad essere particolarmente incisivo, accusando 9 decimi di ritardo dalla vetta.

Appena fuori dalla Top Ten, con una Williams un po’ in difficoltà a causa della cronica carenza di carico aerodinamico, c’è Felipe Massa, che precede il duo McLaren con Alonso davanti a Button, i quali accusano distacchi di quasi 2″ rispetto al tempo di Vettel. 14° è Bottas, che chiude davanti a Gutierrez, Magnussen – costretto a terminare anzitempo la propria Sessione per essersi dovuto fermare una volta arrivato lungo alla Santa Devota – e Grosjean. 18° è Nasr, che precede il compagno di team Ericsson e Palmer, autore di un testacoda spettacolare in uscita dalla prima delle Piscine che però ha causato fortunatamente pochissimi danni all’ala posteriore della sua R16. Fanalini di coda, come del resto già accaduto in FP1 ed FP2, sono le Manor: stavolta è Wehrlein ad essere davanti ad Haryanto, staccandolo di circa 6 decimi ma comunque accusando quasi 3″ di ritardo dalla vetta della Classifica.

Ecco la Classifica completa al termine della FP3:

Cattura3

 

Related posts

Leave a Comment