A Parigi vince Di GrassiFormula E news 

Formula E: Di Grassi domina a Parigi, Buemi rimonta inutilmente

A Parigi vince Di Grassi

Lucas Di Grassi vince anche a Parigi e apre il distacco ai danni di Sebastien Buemi. La tappa parigina restituisce un Campionato di Formula E in discesa per il brasiliano dell’Audi, in un momento felice della stagione. Ma le Renault ci sono entrambe e riescono a resistere al ritorno della Casa giapponese, mentre la DS Virgin ha riagganciato la Dragon e sferrato il primo colpo nella battaglia per il podio mondiale.

Questo il risultato del Paris ePrix che si è corso ieri sulle strade parigine (nel rione di Les Invalides). Lucas Di Grassi ha vinto una corsa che ha dominato dal primo all’ultimo giro dopo una partenza bruciante. Dietro di lui Jean-Eric Vergne, per la prima volta in carriera sul podio elettrico, e poi il rivale Buemi, che ha strappato la terza posizione dopo un lungo duello con Sam Bird.

La gara, per la verità piuttosto noiosa, ha evidenziato la grande crescita delle DS Virgin di Sam Bird – poleman sfortunato in Francia – e del redivivo Vergne. Più in difficoltà lo svizzero della Renault e.dams, costretto all’ennesima rimonta dalla decima posizione. Ma a brillare su tutti è il dominio di Di Grassi che gli restituisce un vantaggio di 14 punti in classifica: un bel tesoretto, visto che mancano poche gare al termine della stagione (quattro, per la precisione).

Buona anche la corsa di Stephane Sarrazin, quinto a traguardo.  Grazie a lui la Venturi è ormai candidata a spodestare la Mahindra dalla Top 5 in classifica costruttori. Sempre in zona punti anche Robin Frijns e Antonio Felix Da Costa, che così si riscattano dalle sfortune di Long Beach concludendo in 7^ e 8^ posizione. Ancora una volta deludente Daniel Abt, incapace di andare più in là del decimo posto nonostante il dominio assoluto del compagno. Dopo una qualifica scoppiettante, invece, le due NEXTEV non riescono a concludere in zona punti. Ma veniamo alla corsa.

Nicolas Prost a Parigi

Come abbiamo detto, la partenza è stata movimentata. Lucas Di Grassi ha tenuto il poleman Sam Bird all’esterno ed è riuscito a strappargli la leadership alla prima curva: dietro di lui Jean-Eric Vergne, che partiva terzo, ne ha approfittato per passare davanti al compagno. Il pilota francese, per la prima volta in palla quest’anno, è sembrato ugualmente più lento di Bird, lasciando a tutti la sensazione che il compagno avrebbe potuto combattere per la vittoria… se non ci fosse stato lui a fare da tappo.

Dietro di loro Sebastien Buemi si è scatenato in una furiosa rimonta: guadagnate due posizioni al via con un furioso sorpasso a Robin Frijns, ha passato Da Costa al quarto giro. Dopodiché Duval andrà dritto alla sesta tornata, provocando l’ingresso della Full Course Yellow (la VSC della FE). Alla sua uscita, Buemi ne approfitterà per sorpassare Turvey e portarsi così in 6^ posizione. Dopo un giro record alla decima tornata, chiuderà il gap con Sarrazin fino a sorpassarlo al 16° giro per poi raggiungere il compagno di squadra Nicolas Prost e passarlo prima del pit.

Nelle retrovie le lotte sono fiorite senza culminare troppo spesso in sorpassi: la pista è troppo stretta per dare tutte le opportunità di cui si parlava alla vigilia, il che ha davvero spento le aspettative di tifosi e commentatori. Ad esempio Da Costa non è riuscito a sorpassare Frijns al 9° giro benché il rivale avesse doppiato le gomme e, dopo aver raggiunto il lentissimo Turvey e averlo attaccato due volte nel 12° giro, dovrà aspettare il 15° per riuscire a liberarsene. Colpo di scena al 18° giro (e colpo al cuore per la NEXTEV), quando Nelson Piquet jr rallenta perdendo posizioni.

All’avvicinarsi del pit-stop si compatta la doppia coppia dei piloti DS Virgin e Renault e.dams: Jean-Eric Vergne guida il gruppo, col fiato del compagno Sam Bird sul collo, mentre dietro di loro si fanno più ingombranti le immagini di Buemi e Prost. La sosta si compie al 24° giro ma serve solo a spezzare il poker, ridando fiato a Bird e togliendolo a Vergne. Ancora per poco:a partire dal 29° giro Sebastien Buemi inanella una serie di giri veloci fino a riavvicinarsi alle due DS Virgin.

Paris ePrix

Il pilota svizzero si gioca anche il FanBoost (conquistato assieme al ritirato Duval e proprio al rivale Jean-Eric Vergne), ma non riesce a far altro che mettere pressione a Sam Bird, abilissimo a tenersi davanti l’ex F1. Ma il pilota della DS deve arrendersi: al 40° giro va lungo e Buemi si impossessa del podio.

Tra l’altro, meraviglioso Bird a riprendersi il sesto posto: nell’uscire fuori pista manda deliberatamente la macchina in testacoda per rimettersi in riga e rientrare di mestiere sul circuito senza perdere nemmeno un secondo.

Il neoarrivato Qing Hua Ma, pilota cinese dell’Aguri e debuttante su questo tracciato, va in testacoda al 41mo giro provocando l’ingresso della Safety Car. La vettura di sicurezza manda la gara in freezer, consegnando la vittoria al brasiliano. È un peccato per il cinesino: nonostante debba migliorare sulla gestione della batteria, il debuttante si è reso protagonista di una bella gara, riuscendo a sorpassare degli ossi duri come Mike Conway e Simona De Silvestro (entrambi ex IndyCar).

Si conclude così una gara «ordinata», come ha detto il commentatore RAI, ma che ha di certo riaffermato un principio: per Buemi il titolo diventa più difficile. E per Di Grassi, invece, molto molto più facile.

Di seguito classifiche generali e risultati della gara (questi ultimi da una grafica di Motorsport.com).

CLASSIFICA PILOTI. 1. Lucas Di Grassi (126); 2. Sebastien Buemi (115); 3. Sam Bird (82); 4. Jerome D’Ambrosio (64); 5. Stephane Sarrazin (58); 6. Nicolas Prost (50); 7. Loic Duval (48); 8. Nick Heidfeld (41); 9. Robin Frijns (37); 10. Daniel Abt (31); 11. Jean-Eric Vergne (24); 13. Antonio Felix Da Costa (20); 14. Oliver Turvey (10); 15. Nelson Piquet jr (4); 16. Nathanael Berthon (4); 17. Simona De Silvestro (2); 18. Mike Conway (1); 19-22. altri (o).

CLASSIFICA COSTRUTTORI. 1. Renault e.dams (165); 2. Audi Abt (158); 3. Dragon Racing (112); 4. DS Virgin (106); 5. Mahindra Racing (65); 6. Venturi Formula E (59); 7. Amlin Andretti (39); 8. Team Aguri (24); 9. NEXTEV (14).

Classifica Paris ePrix

Related posts

Leave a Comment