Cars & Coffee 2016, che successo! Tutti i numeri di una giornata unica e le FOTOEventi news Photo Gallery & Video 

Cars & Coffee 2016, che successo! Tutti i numeri di una giornata unica e le FOTO

Cars & Coffee 2016, che successo! Tutti i numeri di una giornata unica e le FOTO

E’ stato un successo assoluto quello del Cars & Coffee 2016, meeting bresciano di facoltosi proprietari di Supercar e auto storiche, appassionati genuini, fotografi e anche semplici curiosi, attratti dall’esoticità delle tantissime vetture presenti, che ogni anno richiama a sé sempre più protagonisti a livello internazionale, diventando un appuntamento di primissimo rilievo nell’arco dell’interno anno.

Quest’edizione, in particolare, andrebbe raccontata a partire dall’impressionante serie di numeri che la identificano: arrivati da ben 14 paesi, partendo dagli Stati Uniti, fino alla città di Hanoi in estremo Oriente, sono state più di 270 le splendide vetture esposte in quello che nel 2015 è stato eletto come secondo parco più bello d’Europa, ovvero il parco-giardino di Valeggio sul Mincio, con una rappresentanza di ben 32 differenti marchi costruttrici. Ancor più impressionante poi è il numero dei tantissimi presenti alla manifestazione: sono stati infatti oltre 25000, tra uomini, donne e bambini, gli appassionati intrepidi che, armati di macchine fotografiche, videocamere e telefonini, hanno immortalato ogni momento della giornata, spesso incitando anche i drivers a dar dimostrazione della potenza o del suono delle loro super vetture, così da raccogliere frammenti di una domenica indimenticabile.

Come dicevamo, il Cars & Coffee 2016 è stato tale anche e soprattutto per il livello unico delle vetture presenti: tra le tante infatti, hanno avuto grande risalto le cinque icone della storia delle speciali di Casa Ferrari, ovvero la F40 (una anche in versione LM), la F50, la 288 GTO, la Enzo e la più recente LaFerrari; senza poi dimenticarsi di una pietra miliare come la 275 GTB. Presente poi l’amatissima e più esotica del marchio del tridente, la Maserati MC12, che negli anni passati seminava il terrore nella categoria GT1, quindi non è mancata l’inglese McLaren, con la 675LT, la potente Nissan GT-R, una Bugatti EB110GT ed una Mercedes SL 300 Gullwing degli anni ‘50.

Ad ammaliare, poi, con quell’inconfondibile fascino da prototipo da corsa senza compromessi, ci sono state le supercar di Pagani, delle quali quattro Zonda presenti, due erano guidate dai figli di Horacio, patron della factory. Tante quindi le tedesche che si sono date appuntamento nel giardino bresciano, perché all’evento sono comparse tutte le diverse versioni di Porsche GT3 fino ad ora create, disposte a formare uno splendido arcobaleno, ed anche una più rara Carrera GT.

Un altro marchio molto rappresentato è stato Lamborghini, con praticamente tutta la gamma prodotta negli ultimi anni, oltre ad una eccezionale storica Miura S, ed infine una rarità assoluta come la Mazzanti Evantra, frutto dell’inventiva e del coraggio di un imprenditore toscano.

“Giudicando la soddisfazione e l’entusiasmo finale dei partecipanti, l’interesse mediatico generato ed un coinvolgimento emotivo davvero esuberante, possiamo dire che abbiamo superato ogni record stabilito nelle precedenti stagioni. Pur essendo orgogliosi di quanto realizzato, siamo altrettanto concentrati sulle nuove sfide che ci attendono nel corso del 2016, per continuare ad accrescere il successo della manifestazione”, affermano Francesco Canta e Gabriele Morosini, fondatori dell’evento.

Il prossimo appuntamento targato Cars & Coffee, infine, si terrà tra poco più di un mese: si tratta del The carsandcoffee Rally, il primo evento dinamico, che porterà le supercars in Emilia Romagna e in Toscana. Dal 13 al 15 maggio tre giorni per vivere la passione e il piacere della guida e condividere momenti speciali in un esperienza che coniugherà visite esclusive alle eccellenze italiane del Barocco e del Rinascimento fino ad arrivare ai giorni nostri.

GUARDA LA PHOTO-GALLERY (Ph. by Mauro Manenti)

Umberto Moioli

Sono nato a Monza il 9 gennaio 1993, ed ho iniziato a frequentare il paddock fin dalla più tenera età grazie a mio padre, ex pilota e team manager. Amo le corse, scrivere, e guidare tutto ciò che è scomodo, rumoroso e soprattutto veloce. Sono appassionato di roba Old-School e ho una visione parecchio romantica delle Corse.

Related posts

Leave a Comment