F1 news 

Ferrari è più aggressiva di Mercedes, che forse però punta alla sosta in meno. Ecco le scelte per la Cina

5705_gara1

Nonostante neppure tra Bahrain e Cina ci sia un Back-to-Back, le cose è meglio farle in anticipo. Anche se si tratta di divulgare delle scelte prese tanto tempo fa. E’ questo quello che potrebbe essere venuto in mente agli uomini Pirelli che, nel pomeriggio di ieri, hanno reso note le scelte delle mescole effettuate dai singoli piloti dei vari Team di F1 per il prossimo GP, che si correrà in Cina.

Ancora una volta la Casa milanese metterà a disposizione, per il terzo GP consecutivo, Medium, Soft e SuperSoft, mescole che portate contestualmente in un weekend di gara hanno dimostrato di poter essere d’aiuto nel generare GP un po’ meno prevedibili rispetto agli anni passati. Soprattutto perchè – lo ricordo ancora una volta – solamente ora i vari Team stanno comprendendo fino in fondo il comportamento delle proprie vetture in relazione ai vari tipi di compound. Le scelte che noi scopriamo oggi infatti, così come quelle effettuate in occasione di Australia e Bahrain, sono state fatte dalle varie Scuderie 14 settimane prima del weekend di Melbourne – quando sulle monoposto 2016 non era stata effettuata neppure l’ombra di un Test – perchè Pirelli, per le forniture nei circuiti extra-europei, ha bisogno di tempo per produrre e far arrivare via nave tutto il materiale necessario.

Per la prima volta in questo 2016 la strategia più aggressiva non è quella degli uomini Mercedes: il Team di Brackley infatti porta molti più set di Medium rispetto ai precedenti appuntamenti, con Hamilton che ne porta 4 (con 4 di Soft e 5 di SuperSoft, per una strategia che almeno sulla carta appare molto conservativa) e Rosberg che ne porta 3 (con 5 di Soft e 5 di SuperSoft). Strategie differenziate dunque per le Frecce d’Argento, così come scelte diverse sono state prese in Williams: Bottas andrà infatti in Cina 2 set di Medium, 4 di Soft e 7 di SuperSoft, mentre Massa ci andrà con un solo set di Medium (quello obbligatorio fornito da Pirelli), 5 di Soft e 7 di SuperSoft. Scelte differenti anche in casa Renault: Magnussen porterà in Cina 2 set di Medium, 5 di Soft e 6 di SuperSoft, mentre il suo compagno di Team Palmer di Medie ne avrà 3, con 4 set di Soft e 6 di SuperSoft. Anche in Toro Rosso i piloti preferiscono differenziare: Verstappen ha optato infatti per 3 treni di Medium, 5 di Soft e 5 di SuperSoft, mentre Sainz di Medie ne porterà 2, assieme a 6 Soft e 5 SuperSoft. L’ultimo Team che ha poi effettuato scelte differenti tra i propri driver è la Haas: Grosjean avrà a disposizione in Cina un solo treno di Medium, 5 di Soft e 7 di SuperSoft, mentre Gutierrez disporrà di 2 treni di Medium, 4 di Soft e 7 di SuperSoft.

Ferrari, RedBull, Force India, McLaren, Sauber e Manor hanno invece scelto di avere la stessa strategia con entrambi i piloti. A Maranello hanno optato per 3 set di Medium, 4 di Soft e 6 di SuperSoft, a Milton Keynes per 2 treni di Medium, 5 di Soft e 6 di SuperSoft così come in Force India, mentre a Woking oltre ai 2 set di Medium ne porteranno 4 di Soft e 7 di SuperSoft. Sauber e Manor puntano invece sulle medie: il Team austriaco porterà addirittura 5 treni di Medium in Cina, con 4 di Soft e 4 di SuperSoft, mentre la Manor opterà per 4 set di Medium, 5 di Soft e 4 di SuperSoft.

Ecco la lista completa delle scelte:

PIRELLI

Related posts

One Thought to “Ferrari è più aggressiva di Mercedes, che forse però punta alla sosta in meno. Ecco le scelte per la Cina”

  1. […] quindi di portare mescole Medium, Soft e SuperSoft, in aggiunta ovviamente ad Intermedie e FullWet (qui trovate tutte le scelte dei singoli […]

Leave a Comment