MotoGP: Marquez è 1° nel Day-3. Tante cadute e frattura per PetrucciMotoGP news 

MotoGP: Marquez è 1° nel Day-3. Tante cadute e frattura per Petrucci

MotoGP: Marquez è 1° nel Day-3. Tante cadute e frattura per Petrucci

In Australia si è chiusa la terza ed ultima giornata dei test IRTA prestagionali, ma a differenza dei giorni precedenti, la classifica di oggi cela un vero e proprio bollettino di guerra. Perché tra asciutto e bagnato sulla pista, le gomme Michelin hanno tradito molti piloti, inducendoli in errori e rovinose cadute.

Lorenzo, Vinales, Aleix Espargarò, Cal Crutchlow…tutti questi hanno infatti baciato l’asfalto del Beach Road, ma della caduta più spaventosa ne è stato sfortunato protagonista Danilo Petrucci: a circa due ore dal termine del tempo, il Petrux ha perso il controllo della sua GP15, schiantandosi alla curva 8 e riportando la frattura del secondo, del terzo e del quarto metacarpo della mano destra ed ora dovrà decidere se essere operato in giornata all’ospedale di Melbourne o aspettare di rientrare in Europa. Stagione ovviamente non compromessa ma che incomincia non benissimo per un pilota che sia a Sepang che a Phillip Island stava mettendo in mostra tanta velocità e tanto talento. Per questo motivo non possiamo che augurargli una pronta guarigione ed un inizio di stagione al top della forma.

Cadute quindi a parte, il Day3 vede Marc Marquez proiettarsi in cima alla classifica cronometrica, replicando in buona sostanza lo stesso crono con cui Vinales lo scalzò al termine del Time Attack di ieri, e proprio Vinales, quindi, è andato a ricoprire la 2° posizione dello schieramento virtuale, accusando dal pilota della Honda appena 141 millesimi. Chiaro segno che il talento del “Rookie of the Year 2015” non è minimamente in discussione e che la GSX-RR ha fatto un notevole passo avanti grazie all’arrivo del nuovo cambio seamless, che rivedremo ormai come definitivo già dai test di Losail.
Terza posizione quindi per un velocissimo Cal Crutchlow: nonostante la caduta, infatti, il pilota inglese si sta trovando nettamente più a suo agio sulla RC213V del team LCR rispetto allo scorso anno e non è quindi un caso che il gap che lo separa dalla moto gemella marchiata Repsol sia contenuto in appena 160 millesimi di ritardo.

Quarta posizione per un Hector Barbera che stupisce e che gira su tempi davvero molto interessanti in sella alla sua GP15 Pramac, tanto da tenersi alle spalle Valentino Rossi, oggi 5° e a poco più di due decimi e mezzo dalla vetta della classifica cronometrica. Alle spalle del pilota italiano, quindi, lo segue Loriz Baz (6°), sceso in pista solamente negli ultimi minuti della giornata – completando appena 11 giri – e Dani Pedrosa (7°), rimasto nel completo anonimato per tutta la durata di questa tre giorni australiana. Con mezzo secondo di ritardo da Marquez, Pol Espargarò torna a far girare la sua Yamaha M1 Tech3 su tempi interessanti, fermandosi quindi in 8° posizione e mettendosi alle spalle la M1 di Jorge Lorenzo e Ducati GP16 di Andrea Dovizioso, che chiude la Top10. Quest’ultimo, per la prima volta nel 2016, vince il confronto intestino con il compagno di squadra Iannone, che chiude appena 12° alle spalle di Scott Redding; ma per Andrea Iannone molto oggi è stato il lavoro comparativo che ha portato a termine, quindi il riscontro cronometrico non è poi esageratamente indicativo. Chiudono infine la classifica, rispettivamente Petrucci, Miller, Rabat, Smith, A. Espargarò, Hernandez, Laverty e Tsuda.

classifica test australia phillip island motogp day 3 IRTA

Related posts

One Thought to “MotoGP: Marquez è 1° nel Day-3. Tante cadute e frattura per Petrucci”

Leave a Comment