MotoGP, Vinales domina il Day2 dei test. Attaccati Lorenzo e RossiMotoGP news 

MotoGP, Vinales domina il Day2 dei test. Attaccati Lorenzo e Rossi

MotoGP, Vinales domina il Day2 dei test. Attaccati Lorenzo e Rossi

Anche se qualche goccia di pioggia ha bagnato il Beach Road pure oggi, il Day 2 dei test di Phillip Island ha finalmente visto il ritorno del sole e dei piloti in pista, perché a differenza della giornata di ieri tutti hanno potuto completare numerosi giri e raccogliere informazioni importanti.

Baciata quindi dalla calda luce australiana, è stato il lampo azzurro di Hamamatsu, la Suzuki GSX-RR di Maverick Vinales, ad imporsi sulla classifica cronometrica: grazie infatti al best lap pari a 1’29”131 (tempo inferiore al giro più veloce fatto segnare da Marquez durante il GP dello scorso anno), lo spagnolo si è proiettato davanti a tutti gli altri riders al 63° dei suoi 64 giri totali, andando a precedere specialmente la Honda di Marc Marquez. L’ex Campione del Mondo, infatti, a differenza della deludente giornata di ieri, oggi è stato autore del 2° tempo, più lento del connazionale della Suzuki di 161 millesimi, totalizzando un ammontare di ben 78 passaggi. Marquez sa che la Honda ha davvero tantissimo lavoro da fare, sia per adattare la moto alla nuova elettronica sia per adattare al meglio se stesso alle nuove gomme Michelin e grazie al sole di oggi il 23enne ha potuto guidare la sua RC213V per più tempo possibile, concedendosi anche un finale da Time Attack contro Vinales e Lorenzo.

Chiude quindi in 3° posizione lo spagnolo della Yamaha, che grazie al suo 1’29”357 vince il confronto in casa con il compagno di squadra Valentino Rossi, quest’ultimo 4° e preceduto da Lorenzo per soli 47 millesimi. Un’inezia che però sottolinea come il lavoro all’interno del box del #46 stia andando nella direzione giusta, poiché il gap che lo separa da Lorenzo è oggi davvero esiguo, per non dire totalmente trascurabile. Anche i due alfieri di Iwata chiudono questo Day 2 con tanti giri all’attivo: 71 per l’italiano e ben 80 per il maiorchino.

Dopo l’ottima prestazione di ieri pomeriggio, torna a confermarsi veloce Cal Crutchlow, che porta la sua Honda RC213V in 5° posizione, staccato da Rossi per due decimi e mezzo,  mentre alle sue spalle sopraggiungono Barbera, oggi 6° e primo delle Ducati, e Andrea Iannone, che porta la GP16 a 3 millesimi di distanza dalla GP15 del team Pramac, mettendo a referto ben 76 giri. Ottavo tempo, quindi, per Dani Pedrosa, che nel pomeriggio colleziona anche una caduta fortunatamente senza conseguenze. Lo spagnolo ha fatto segnare come proprio miglior tempo un 1’29”917, crono che lo separa per poco più di 6 decimi dalla Honda del proprio compagno di squadra.

Chiudono quindi la Top10 rispettivamente Redding e Smith, quest’ultimo è anche l’ultimo pilota ad esser sceso sotto il muro del ’30, precedendo quindi il francese Loris Baz che sigla l’11° tempo in 1’30”134. Gira tantissimo, invece, Andrea Dovizioso, che porta avanti un importante lavoro tecnico nell’arco dei suoi 88 giri percorsi: il forlivese è il pilota più attivo in pista ma il suo miglior tempo è deludente perché non va oltre il 12° posto in 1’30”142, ovvero un secondo netto più lento di Vinales. A seguire il ducatista, fa capolino la Suzuki di Aleix Espargarò, oggi poco competitivo, quindi la GP15 di Danilo Petrucci. Il buon Petrux, oggi solo 14° dopo l’acuto di ieri pomeriggio, è però stato seguito molto da vicino da Casey Stoner, immortalato molto spesso accando al ternano per dargli consigli e sentire il suo feedback.

classifica tempi phillip island test motogp 2016 day 2

Related posts

Leave a Comment