Test Kawasaki SBK 2016news WSBK 

Riparte la Superbike: da domani si gira a Jerez

Test Kawasaki SBK 2016

Finalmente ci siamo: i motori delle Superbike sono pronti a riaccendersi, risuonando per la prima volta in questo 2016 nella terra andalusa, da domani martedì 26 gennaio a mercoledì 27.

Sarà infatti il circuito di Jerez de la Frontera, pista caratterizzata da un layout estremamente vario, il teatro di questo attesissimo test pre-stagionale che vedrà alternarsi in pista una trentina di piloti tra SBK, SSP e STK1000, con l’unico obiettivo di prepararsi al meglio all’imminente primo round del Mondiale 2016, che si aprirà come da tradizione sull’isola australiana di Phillip Island.

Tra i piloti della top-class, infatti, ci sarà il dream team della Kawasaki, con il Campione del Mondo Jonathan Rea e Tom Sykes, entrambi di ritorno dall’evento stampa Kawasaki a Sepang, che saranno impegnati con un importantissimo lavoro di comparazione dei dati maturati a fine 2015 sulla nuovissima ZX-10R e nuovi setting pronti ad essere vagliati. La nuova Ninja è, secondo le parole del ex-Campione del Mondo 2013, una base di partenza molto migliore del modello precedente ed è il risultato di quanto fatto dalla casa di Akashi in questi ultimi anni in Superbike. Anni fatti di successi e di vittorie. Il sentore, però, è che questa nuova moto, sviluppata a partire dall’immane lavoro svolto da Sykes a partire dal 2011, abbia seguito parecchio i gusti di guida dell’inglese, che potrebbe sentirla ancor più sua della “vecchia” ZX-10R e risultare fin da subito più veloce del suo compagno di squadra. Ovviamente queste sono deduzioni personali e solo il cronometro dirà la verità, ma quanto vi ho appena detto potrebbe avere un riscontro fin dalla giornata di domani.

Di ritorno da una sessione di test privati all’Autodromo Internacional do Algarve, in Portogallo, i piloti della Yamaha Alex Lowes e Sylvain Guintoli sono pronti a risalire in sella alla loro YZF-R1, per il primissimo confronto dell’anno contro le rivali di Akashi. Di fondamentale importanza per la squadra di Iwata saranno i risultati ottenuti dal lavoro che il pilota francese ha svolto a Portimao sulle nuove forcelle Öhlins anteriori, provando nuove specifiche del motore e differenti strategie dell’elettronica. Per quanto riguarda Lowes, che in Portogallo ha messo a referto un totale di 116 passaggi, è ancor reduce da un infortunio alla spalla sinistra che, limitandogli alcuni movimenti, gli impedisce di guidare la sua nuova R1 con lo stile aggressivo che da sempre lo caratterizza. Per Lowes quindi quelli dei prossimi due giorni saranno test importanti ma non totalmente attendibili dal punto di vista cronometrico.

Tornano in pista anche le due Ducati 1199R Panigale degli ufficiali Chaz Davies e Davide Giugliano, anche loro in sella a Portimao a fianco delle giapponesi di Iwata. I due ducatisti, che in Portogallo hanno registrato rispettivamente 119 e 77 giri in totale, hanno lavorato su nuove componenti per la moto di Borgo Panigale e continuando, di pari passo, il lavoro di affinamento del set-up. Entrambi i piloti si sono detti, infatti, soddisfatti, soprattutto per quanto riguarda il lavoro sulle nuove forcelle Öhlins, anche se manca ancora qualche aggiustamento per essere al top della forma a Phillip Island. Nei test di domani e dopo, quindi, la compagine italiana sarà impegnata maggiormente su un programma di lavoro “leggero”, incentrato sull’affinamento del pacchetto tecnico scelto a Portimao.

Non mancheranno poi le due Honda CRB1000RR, del neo-arrivato Nicky Hayden e del riconfermatissimo olandese Michael van der Mark. Purtroppo, però, Honda si ripresenta con un progetto sostanzialmente inalterato dal 2008 ad adesso, il cui sviluppo non prevede più grandi step.

A Jerez però scenderanno in pista anche volti nuovi, come il pilota del Qatar Saaed Al Sulaiti, compagno di squadra di Sylvain Barrier all’interno del Team Pedercini, poi Josh Brookes e Karel Abraham, rider del team Milwaukee BMW, anche loro alla prima esperienza in Superbike. Assenza (quasi) giustificata, invece, per Jordi Torres e Markus Reiterberger, del team BMW Althea Racing, reduci da due test sul tracciato di Vallelunga.

L’attività in pista prenderà il via alle ore 10:00, per terminare alle 18:00. Non perdetevi quindi i nostri aggiornamenti qui sul sito e soprattutto sui nostri canali Facebook e Twitter.

Related posts

Leave a Comment