Dakar, 9° Tappa: Sainz va in testa, Price scappa !Dakar news WRC & Rally 

Dakar, 9° Tappa: Sainz va in testa, Price scappa !

Dakar, 9° Tappa: Sainz va in testa, Price scappa !

La nona tappa di oggi prevedeva una prova circolare che avrebbe riportato i piloti a Belén, in Argentina e che ha visto trionfare per la seconda volta lo spagnolo Carlos Sainz su Peugeot, nuovo leader della classifica generale, e Toby Price per la quinta volta tra la competizione delle moto che ora lo vede come leader isolato dopo il ritiro inaspettato del rivale diretto Paulo Goncalves.

La speciale ha messo a dura prova gli equipaggi a causa di un percorso molto variegato e con minor percentuale di sezione veloci a favore di una navigazione molto presente. Un altro fattore poi ha non solo caratterizzato un elemento di difficoltà indiscutibile, ma è anche stato l’oggetto che ha sollevato numerose polemiche in una giornata che ha lasciato il segno nel bene e nel male.

La giornata si è purtroppo macchiata di un altro lutto. La dinamica dell’incidente ha un risvolto inquietante dal momento che l’incidente che ha provocato la morte dello spettatore include anche la vettura di Lionel Baud, quel Mitsubishi Lancer che qualche giorno fa aveva provocato la prima tragedia. Questa volta a perdere il controllo il camion che trasportava la vettura proveniente esattamente da quella vicenda che aveva posto la parola fine alla gara del pilota.

Entrando nel merito delle polemiche si parla delle temperature marcatamente elevate di quest’oggi dove hanno raggiunto i 40°e hanno rappresentato la motivazione per la quale la Direzione gara ha deciso di interrompere le ostilità al Checkpoint 2. La scelta, dettata dal rischio di disidratazione a cui si sono trovati esposti i piloti, ha suscitato il risentimento da parte di alcuni che hanno spiegato come la temperatura sia da sempre la difficoltà numero uno del Rally Raid e un fattore di rischio che di norma contribuisce a distinguere questa gara in particolare da tutte le altre. Ad dire ciò i rappresentanti del Team XRaid a cui fa capo la MINI All4, vettura guidata da Nasser Al-Attiyah, oggi terzo e chiamatosi fuori dalla polemica, da Mikko Hirvonen, oggi ancora in grande spolvero e sempre sopra le aspettative e capace di chiudere proprio dietro al campione in carica e compagno di squadra. La stessa MINI nella giornata di ieri si era esposta con una protesta nei confronti della 2008 DKR di Peterhansel che secondo la casa tedesca avrebbe sfruttato una zona non prevista per il rifornimento delle vettura. La Direzione non ha riconosciuto l’infrazione al regolamento ed ha consentito a Mister Dakar di fare da apripista come previsto, un ruolo che però gli è anche costato la leadership ieri riconquistata dopo l’uscita di Loeb grazie a ben due forature. A condividere il disappunto dell’interruzione della prova l’ex campione Dakar Giniel Del Villers, che ha spiegato come l’aria condizionata delle auto permettesse abbastanza agevolmente la prosecuzione della tappa.

La vittoria della speciale come anticipato è quindi andata a Carlos Sainz, che per la prima volta è anche leader della classifica dopo una rimonta capolavoro a seguito dei 13′ persi all’inizio della competizione.

Dakar-day2-price

La classifica generale delle moto da oggi riporta come leader il giovane australiano su KTM Toby Price, oggi alla sua quinta vittoria di tappa. Il suo diretto avversario Paulo Goncalves ha dovuto dire addio ai suoi sogni di gloria a causa di un fuscello che si è infilato del motore. Un colpo di sfortuna che non ha dato scampo al pilota portoghese, oggi impegnato nella prima parte della seconda tappa Marathon che da regolamento non dispone di assistenza al mezzo tra una prova e l’altra.

In vetta ora con un margine veramente ampio, Price può seriamente pensare al colpo grosso. A chiudere il podio oggi Kevin Benavides e Stefan Svitko. I due sono impegnati in una lotta serrata insieme a Pablo Quintanilla per la zona podio nel ranking in cui condividono tre piazze in una manciata di minuti.

 

Nato il 09 Giugno 1993, coltivo durante tutta l’infanzia e l’adolescenza la mia smisurata passione per il mondo dei Motori fino a sviluppare una insana passione per il volto più “sporco” delle ruote coperte. Da studente universitario racconto il mondo del Rally ( CIR, ERC, WRC e Dakar) e svolgo il ruolo di Tester per ItalianWheels.

Related posts

Leave a Comment