Suzuki GSX-R 1000 presentazione EICMA 2015news Nuovi Modelli 

Nuova Suzuki GSX-R 1000: Corri, Stacca e Piega verso la vittoria

Suzuki GSX-R 1000 presentazione EICMA 2015
(Ph. by Simone Casiraghi – ASPhotography)

Se pensavate che le aspettative per la nuova Suzuki non sarebbero state rispettate o che la nuova millona di Hamamatsu non sarebbe stata all’altezza della nuova verdona di Akashi, vi siete sbagliati: in Suzuki, finalmente, dopo anni di latitanza e di rimandi, hanno fatto le cose in grande, al fine di riportare la leggendaria Gixxer nella zona che gli compete, ovvero la testa delle classifiche dei Campionati di tutto il mondo.

La nuova GSX-R 1000, infatti, non è stata semplicemente rivista, ma progettata a partire da un foglio bianco, la cui unica imposizione alla quale gli ingegneri hanno dovuto sottostare è stata la ricerca della performance. Un progetto che si riassume in tre parole chiave: Run-Stop-Turn (Corri-Frena-Curva), che sono i concetti sui quali si basa una vera moto da corsa.

Se pensavate che le aspettative per la nuova Suzuki non sarebbero state rispettate o che la nuova millona di Hamamatsu non sarebbe stata all'altezza della nuova

Per fare ciò, in Suzuki hanno ridisegnato la Gixxer sotto ogni punti di vista: partendo infatti dalle dimensioni, la nuova GSX-R è la più compatta di sempre. Il telaio, molto più rigido rispetto alle precedenti versioni, è più stretto e leggero che mai ed avvolge bene il nuovo 4 in linea da 1000cc. Come dichiarato da Suzuki, il nuovo telaio si rifà sull’esperienza maturata nella progettazione della GSX-RR, il prototipo che ha debuttato quest’anno in MotoGP, per garantire massima fiducia al pilota nelle fasi di staccata e percorrenza, regalando così una nuova esperienza di handling.

Anche il motore è stato riprogettato a partire dall’esperienza MotoGP: leggerezza, compattezza e maggiore potenza sono tutti aspetti su cui è stata data grande enfasi per colmare il gap che la vecchia gixxer accusava dalle rivali. Il risultato è stato infatti un motore che genera poco più di 200 CV ma che garantisce tanta coppia sia ai bassi, sia ai medi che agli alti regimi, non sacrificando così troppo l’utilizzo stradale che ha sempre contraddistinto le supersportive di Hamamatsu.

Finalmente sulla GSX-R arriva anche un pacchetto elettronico degno della concorrenza: il Traction Control, da ormai tanto tempo agognato dai fan del marchio, si presenta ora con ben 10 livelli di intervento, oltre alle classiche tre mappature che Suzuki ha introdotto ormai dal 2007. Oltre a ciò, la nuova Gixxer è prevista anche del Launch Control, del Quick Shift e del Ride by Wire.

Se pensavate che le aspettative per la nuova Suzuki non sarebbero state rispettate o che la nuova millona di Hamamatsu non sarebbe stata all'altezza della nuova

Ma la bellissima sorpresa, che ha lasciato tutti di stucco, è stata la presenza, come sulla nuova Kawasaki ZX-10R, della forcella presurizzata Showa: una dotazione da vera “track-only”, perché come ci hanno confessato gli ingegneri del produttore giapponese, la nuova BFF (Balance Free Front) si avvicina incredibilmente a quelle montate sulle Ninja del Kawasaki Racing Team, campione del mondo Superbike 2015. Insomma, una forcella che da sola varrebbe la metà del prezzo della nuova Gixxer (che presumibilmente sarà messa a listino sui 19.000 €). Rivisto anche il mono posteriore, lo Showa BFRC, ora decisamente più leggero e con tarature più rigide già di serie, che aiuterà il pilota ad ottenere più grip ed un miglior feeling nella guida al limite.

Ristudiata anche l’aerodinamica della GSX-R 1000, che ora può vantare non soltanto di dimensioni molto più snelle, ma anche di una minore superficie d’impatto sul muso e sulle fiancate del serbatorio.

Ora non ci resta che aspettare soltanto una cosa: il suo debutto in pista in assetto Superbike. Bentornata cara Gixxer!

Umberto Moioli

Sono nato a Monza il 9 gennaio 1993, ed ho iniziato a frequentare il paddock fin dalla più tenera età grazie a mio padre, ex pilota e team manager. Amo le corse, scrivere, e guidare tutto ciò che è scomodo, rumoroso e soprattutto veloce. Sono appassionato di roba Old-School e ho una visione parecchio romantica delle Corse.

Related posts

Leave a Comment