F1 news 

La McLaren-Honda conferma Jenson Button per il 2016

 

12036817_792622067511116_4104566726872752410_n

Un altro tassello del mercato piloti di questa stagione è messo al suo posto. Stavolta è stato il turno della McLaren-Honda, scuderia che aveva lasciato spazio a delle illazioni su chi potesse fare coppia con Fernando Alonso nel Team durante il 2016. Era stato fatto il nome di Magnussen, poi quello di Vandoorne, ma alla fine a Melbourne, il 20 marzo del prossimo anno, sul sedile della MP4-31 ci sarà ancora Jenson Button.

“Io e Jenson abbiamo discusso sui suoi piani in privato nelle scorse settimane, ed il fatto che i nostri discorsi abbiano portato all’annuncio di oggi è bello per entrambi e farà piacere e motiverà tutti in McLaren-Honda. – queste le parole di Ron DennisCome ho sempre chiarito ogni volta sono stato interrogato sull’argomento, l’attuale contratto di Jenson ha una durata di due anni (2015 e 2016). C’è un’opzione per risolverlo dopo il primo anno che la McLaren avrebbe potuto far valere se avessimo voluto farlo, ma dopo che dalle nostre conversazioni con Jenson è emerso chiaramente che sarebbe rimasto entusiasta, deciso e concentrato come sempre, quell’opzione è immediatamente diventata irrilevante. Data la situazione, Jenson correrà con la McLaren-Honda il prossimo anno, con i termini e le condizioni previste nel contratto di due anni che le parti hanno sottoscritto un anno fa. Come ho già detto, sono estremamente felice. Jenson è il pilota con più esperienza che sia attualmente in F1, e durante la prossima stagione diventerà il terzo pilota (dietro solo a Rubens Barrichello e Michael Schumacher) nella storia della F1 a superare il traguardo dei 300 GP disputati. In più, oltre a questa quantità di esperienza che lo rende un acquisto molto importante per il nostro Team, dato che è esperto in tutti gli aspetti che un pilota di F1 del 21° secolo dovrebbe conoscere, Jenson è anche straordinariamente in forma e super veloce come sempre.” 

E Jenson invece cos’ha detto? “Durante l’ultimo mese ho pensato molto, e non è un segreto che sono stato combattuto tra due ipotesi riguardo il mio futuro. Ma sono stato un pilota McLaren per sei stagioni finora (dal 2010 al 2015) ed in questo tempo ho conosciuto Ron molto bene. Io e lui abbiamo avuto varie conversazioni nelle scorse settimane, e durante queste chiacchierate è stato chiaro che Ron è determinato e preparato a guidare il nostro Team attraverso le difficoltà attuali per raggiungere successi nel futuro. Questo mi ha dato una grande fiducia, ed è per questa ragione che, insieme, abbiamo deciso di continuare la nostra collaborazione; e non appena ho preso questa decisione, subito dopo mi sono accorto di aver fatto la scelta giusta. Ok, è vero, quest’anno non è stato semplice per noi, ma sappiamo cosa dobbiamo fare per migliorare le cose e, collaborando con Honda, lavoreremo duro durante le prossime settimane ed i prossimi mesi per essere sicuri che il 2016 sia una stagione di gran lunga migliore rispetto al 2015. Non vedo l’ora!

E’ Jenson Button la scelta giusta per la McLaren-Honda in ottica 2016? Secondo noi sì. E’ vero, dietro di lui scalpitano talenti come Kevin Magnussen e, soprattutto, Stoffel Vandoorne, dominatore assoluto ed incontrastato quest’anno in GP2. Ma a Woking, attualmente, non hanno bisogno solamente di velocità e talento, che pure Button ovviamente è in grado di dare. In una fase così critica dello sviluppo della vettura, durante la quale è utile qualsiasi appunto, anche minimo, che un pilota riesca a dare ai propri ingegneri, è l’esperienza che può fare la differenza. E questo un uomo “da corsa” esperto come Ron Dennis lo sa bene. Ecco perchè Button, nel 2016, è il pilota giusto: al fianco di Alonso, un altro pilota con ormai diverse stagioni di F1 alle spalle, a Woking avranno a disposizione due feedback importanti per sviluppare al meglio la vettura e migliorare ancora di più in vista del 2017, anno in cui anche Vandoorne e Magnussen saranno ulteriormente maturati. E lì sì che potremmo vederne davvero delle belle. 

Related posts

Leave a Comment