Yamaha MotoGP Misano "ali" aerodinamicheMotoGP news 

MotoGP, Misano: Lorenzo da Record con le “ali”!

Yamaha MotoGP Misano "ali" aerodinamiche

Siamo solo al secondo turno di libere del week-end emiliano della MotoGP, ma i tempi fatti segnare in questa FP2 sono già impressionanti.

A chiudere con il best time di giornata è stato, infatti, Jorge Lorenzo, che, montate le “ali” stile Ducati ai lati del muso della propria M1 (novità assoluta del week-end), è riuscito a bloccare il cronometro addirittura in 1’32”871, andando così a precedere Marc Marquez e a riscrivere il record del circuito. Il pupillo della Honda si è dovuto così accontentare della seconda posizione, ma il gap che lo separa dal connazionale vale appena 53 millesimi. Si prospetta, quindi, sempre più una guerra serrata tra i due spagnoli, che cercheranno di fare tutto il possibile per rallentare Valentino Rossi nella sua corsa verso il 10° Titolo mondiale.

Chiude, perciò, il podio virtuale la Honda RC213-V di Dani Pedrosa, che pur veloce tuttavia rimane sopra l’1’33”, staccato di quasi quattro decimi dalla Yamaha #99. Quarta posizione quindi per Andrea Dovizioso, che porta la sua Ducati GP15 a 33 millesimi dalla Honda di Pedrosa, mettendosi però alle spalle Valentino Rossi. Il Campione di Tavullia, infatti, 5° ad oltre mezzo secondo di ritardo dal proprio compagno di squadra, è però apparso rilassato e pare chiaro, quindi, che il suo riferimento cronometrico sia il risultato di un lavoro studiato all’interno del proprio box.

Bene Pol Espargarò, che chiude in 6° posizione, mentre alle sue spalle sopraggiunge la GP14.2 di Danilo Petrucci (7°), autore di un giro fotocopia dello spagnolo di Tech3 più un solo millesimo di secondo. Ottava piazza, quindi, per il britannico Bradley Smith, andato a precedere la Ducati di Michele Pirro (9°) e la Honda di Cal Crutchlow, ultimo della Top10. Scivolato, invece, nella ghiaia, il pilota di Vasto, Andrea Iannone non è riuscito ad andare oltre il 13° tempo, classificandosi in mezzo alle due Suzuki, rispettivamente di Aleix Espagrarò (12°) e Maverick Vinales (14°).

COn6UIQWcAEBNMA

Related posts

Leave a Comment