F1 GP Canada QualificheF1 news 

F1: a Montreal Pole Position per Lewis Hamilton, disastro Vettel

F1: a Montreal Pole Position per Lewis Hamilton, disastro Vettel

Potrà anche sbagliare tutto durante le Prove Libere, ma nei momenti decisivi Lewis Hamilton è chirurgico: è sua la Pole del GP di Montreal, arrivata dopo una prestazione che ha lasciato ben poco margine di risposta a Nico Rosberg, 2° ma distante più di 3 decimi dalla prima posizione. 3° Raikkonen, che con la Ferrari si dimostra in palla anche sul giro singolo. Disastro invece per l’altra Rossa, quella di Sebastian Vettel, escluso già nella Q1 dopo che la centralina della sua PU ha deciso di dare problemi proprio al momento clou del sabato. Il sorriso non splende nemmeno in casa McLaren-Honda, con Button che neppure prende parte alla Qualifica perchè la sua MP4-30 ha problemi di motore troppo gravi per essere risolti in fretta ed Alonso che viene facilmente escluso, ancora una volta, già nella Q2. Buone prestazioni, in generale, per tutti i motorizzati Mercedes: Bottas è (mentre Massa è costretto a gettare la spugna in Q1 per problemi alla PU), Grosjean , Maldonado , Hulkenberg e Perez 10°. Ecco la cronaca completa:

Nella Q1, come ormai da copione, tutti i piloti effettuano i propri primi tentativi con le mescole Soft. Fin quando i piloti mantengono tutti la gomma più dura, il duo Mercedes impone il proprio ritmo sin dalle prime fasi, con Rosberg ed Hamilton (divisi da soli 2 millesimi) che sono gli unici piloti a scendere sotto il muro dell’1’16”: a parità di mescola il loro primo inseguitore è Kimi Raikkonen, che precede Bottas e le due Lotus. La classifica si riscrive nel momento in cui la maggior parte dei piloti passa alla mescola SuperSoft, con Grosjean che balza in cima alla lista dei tempi. Dramma sportivo invece per Massa e Vettel: sia il brasiliano che il tedesco soffrono dei gravi problemi alle rispettive PU, con il tedesco della Ferrari che era stato addirittura richiamato ai box al termine del suo primo giro per un problema alla centralina. Rimandato in pista a due soli minuti dal termine della Q1, Vettel non riesce a qualificarsi proprio a causa del calo di potenza accusato, con un terzo settore (quello del lunghissimo rettilineo) nel quale la SF15-T ha perso un’eternità rispetto ai suoi avversari. Dunque gli esclusi dalla Q1 sono: Vettel, Massa, Merhi, Stevens e Button (che non è neppure sceso in pista per problemi alla sua MP4-30). Tutti questi piloti ricordiamo però che guadagneranno una posizione grazie alla retrocessione in griglia comminata a Verstappen.

Ecco la classifica al termine della Q1:

Q1

In Q2 tutti da subito in pista con le SuperSoft, con l’unica differenziazione possibile tra gomme nuove o gomme usate. Le Mercedes continuano a fare un altro sport, con Hamilton e Rosberg (stavolta divisi da 12 millesimi) che demoliscono il muro dell’1’15”: l’inglese, forte del suo 1’14”661, già nella Q2 abbassa il tempo della Pole del 2014. I due driver del team di Stoccarda sono tra l’altro gli unici che si qualificano utilizzando solamente un set di gomme SuperSoft, mentre il resto dello schieramento usufruisce di due treni di coperture. Continua a stupire la Lotus motorizzata Mercedes che, in questo tracciato “Stop&Go”, si sta dimostrando davvero veloce e che riesce a piazzare Grosjean addirittura in terza posizione; buone prestazioni anche per la Force India. Vengono esclusi dalla Q2 Sainz (eliminato proprio in extremis da Kvyat), Verstappen, Nasr, Alonso ed Ericsson.

Ecco la classifica al termine della Q2:

Q2

Nella Q3 la lotta per la Pole Position è una questione tra i due piloti Mercedes, che a suon di migliori intertempi si giocano sin dal primo giro lanciato la prima posizione per dei millesimi. Alle loro spalle bella lotta tra Raikkonen e Grosjean, anche loro divisi da pochissimi centesimi di secondo, con Maldonado che al termine del primo tentativo è leggermente più staccato. Raikkonen con il secondo treno di gomme si migliora, cosa che invece non riesce ai suoi diretti avversari: l’unico che risale e gli si avvicina è Bottas, che proprio alla fine si mette davanti al duo Lotus. Nell’ultimo tentativo neppure i due Mercedes riescono ad abbassare ulteriormente il proprio crono, con Hamilton che rifila più di 3 decimi al team mate. Buon 7° Hulkenberg, che si mette davanti a Kvyat, Ricciardo e Perez.

Ecco la classifica al termine della Q3:

Q3

Related posts

Leave a Comment