MotoGP news 

MotoGP, Jerez: Lorenzo ritrova la Pole e beffa Marquez (2°)

MotoGP, Jerez: Lorenzo ritrova la Pole e beffa Marquez (2°)

Lo aveva detto da subito che quello di Jerez era un appuntamento importantissimo per lui, e confermando il detto “chi ben comincia è a metà dell’opera”, Jorge Lorenzo ritrova definitivamente se stesso guidando sulla pista andalusa come nessuno e mettendo la firma sul Best Lap dopo aver bloccato il cronometro in un incredibile 1’37″910.

Lorenzo è riuscito, infatti, a spingersi oltre il limite, su una pista resa scivolosa da un asfalto ad oltre 50° gradi di temperatura, e portando la sua M1 ad abbattere il muro dell’ 1’38”. Unico in pista a raggiungere tale traguardo, il maiorchino impone tra sé ed il Campione del Mondo Marc Marquez, 2° sullo schieramento di partenza, un gap di quasi 4 decimi e, come se questo non bastasse, mette in mostra un passo-gara che sembrerebbe lasciargli via libera per correre verso la prima vittoria stagionale.

Alle spalle di un comunque velocissimo Marquez, chiude la Ducati Desmosedici GP15 di Andrea Iannone, che grazie al proprio best time in 1’38″468 coglie il 3° miglior tempo delle QP2 e si classifica come primo pilota del team di Borgo Panigale. Il pilota di Vasto, ancora una volta, mette in mostra le proprie qualità nel giro secco e si candida come pretendente nella lotta per il podio.

Grande prestazione per l’alfiere del team francese Tech3 Pol Espargarò (4°), che in sella alla sua Yamaha M1 andrà ad aprire la seconda fila dello schiramento: nel suo mirino, però, c’è subito la Ducati GP15 di Iannone, dal quale è stato beffato per soli 70 millesimi di secondo. Alle spalle del più giovane dei fratelli Espargarò chiude poi un Valentino Rossi che, pur cogliendo la 5° posizione, non riesce ancora ad essere competitivo e non va oltre all’ 1’38″632, accusando così un ritardo di 7 decimi dalla M1 gemella del compagno spagnolo.

Rossi, inoltre, viene tallonato dalla Suzuki GSX-RR di Aleix Espargarò, che accusa un ritardo di soli 6 millesimi e scatterà domani dalla 6° casella dello schieramento di partenza. Terza fila aperta, invece, da Cal Crutchlow (7°) che, pur avendo maggior feeling con la sua RC213V, non riesce a guidare come vorrebbe e si deve accontentare di un 1’38″714, che lo separa dal maiorchino per oltre 8 decimi di ritardo. Consolazione per il pilota di Coventry che riesce, tuttavia, a mettersi alle spalle l’ex compagno di squadra Andrea Dovizioso, solo 8° con la Ducati GP15: il forlivese, sfortunatamente, non riesce a trovare un buon feeling e patisce una pista parecchio scivolosa, chiudendo così a quasi un secondo di ritardo dalla Yamaha leader della Classifica cronometrica.

Chiudono la Top10 rispettivamente Yonny Hernandez (9°) e l’inglese Bradley Smith (10°), che porta la sua Yamaha M1 davanti alle ruote di un Danilo Petrucci il quale, in sella alla Ducati GP14, riesce ad entrare in Q2, chiude davanti a Scott Redding (12°) ma con un significativo ritardo da Jorge Lorenzo: +1.879

classifica motogp Jerez 2015 QP2

Related posts

Leave a Comment