MotoGP news 

MotoGP: l’analisi dei valori in campo prima di Jerez

MotoGP: l'analisi dei valori in campo prima di Jerez

Dopo le appassionanti vicende argentine, il Circus della MotoGP è pronto a sbarcare finalmente a Jerez, per il primo appuntamente europeo del Mondiale 2015. Prima del GP di Losail nessuno si sarebbe mai aspettato che Valentino Rossi sarebbe arrivato in Spagna saldamente in prima posizione nella Classifica iridata, a quota 66 punti, comandando una Top3 tutta italiana: sono, infatti, i due alfieri del team di Borgo Panigale ad inseguire il Campione di Tavullia, rispettivamente Andrea Dovizioso (60 pt.) e Andrea Iannone (40 pt.), dimostrando quanto la nuovissima GP15 sia estremamente competitiva e pronta ormai a dar battaglia ad armi pari alle moto giapponesi.

A stupire, poi, è l’assenza dei prototipi di Tokyo nelle prime posizioni della Classifica: archiviati già tre Gran Premi, il bottino della compagine Honda è magrissimo, con un Marc Marquez soltanto 5° con 36 pt., a -1 da Jorge Lorenzo ma reduce dallo 0 del Termas de Rio Hondo e operato un giorno fa ad un mignolo fratturato in allenamento. Il Campione del Mondo ha già rassicurato il Team Principal Livio Suppo, ma è chiaro che nel box Repsol non si respira lo stesso clima della scorsa stagione; anche perchè ad aggravare la situazione ci sono le grandi incognite sul futuro di Dani Pedrosa e le estremamente mediocri (ma giustificate) prestazioni del supplente Hiroshi Aoyama.

A Jerez, però, Marc Marquez è chiamato a rinnovare il duello con il rivale italiano e a trovare la vittoria per la Casa nipponica ma soprattutto per se stesso; ma il “Cabroncito” non ha di fronte un week end facile, perchè Jerez è una pista molto guidata, che affatica non poco se coinvolti in duelli serrati, e correre con una frattura contro un Rossi in stato di grazia e due Ducati alla ricerca della prima vittoria stagionale non sarà un’impresa da poco.

Occhi aperti anche su Jorge Lorenzo: il maiorchino, reduce da prestazioni non degne del suo nome, potrebbe ritrovare la vittoria proprio sul tracciato di casa, spinto dai tanti suoi tifosi e dal desiderio di rivalsa. Tuttavia, Lorenzo potrebbe anche non trovare giovamento dal solo ritorno a casa: il “Porfuera” è un pilota emotivo e i contatti con Ducati, e le relative voci circa un suo possibile ingaggio per il 2016, potrebbero aver un effetto negativo sulla sua gara.

A Jerez, poi, si attende anche un altro spagnolo, il pilota della Suzuki Aleix Espargarò, che dopo aver portato la sua GSX-RR in testa alla gara argentina per alcuni giri è pronto ora ad emozionare il pubblico di casa andando alla ricerca di un risultato importante per la Casa di Hamamatsu. Attualmente il capitano del box bianco-azzurro si trova in 8° posizione in Classifica con 22 pt. iridati, ovvero a soli 6 lunghezze dall’inglese Bradley Smith, che lo precede in 7° posizione: il sorpasso dello spagnolo non è impossibile.

Tra i grandi attesi c’è anche un altro orgoglio italiano, Danilo Petrucci: facendo passi avanti km dopo km in sella alla sua GP14 e resosi protagonista di uno spavaldissimo sorpasso su Aoyama, rievocativo di quanto fatto anni addietro da Capirossi su Harada, il Petrux è pronto ad un’altra grande prestazione e le caratteristiche tecniche del tracciato spagnolo potrebbero anche favorire le sue doti da combattente.

Related posts

Leave a Comment