news WSBK 

SBK, Assen: Davies ancora 1° nella combinata, Sykes ritrova se stesso

SBK, Assen: Davies ancora 1° nella combinata, Sykes ritrova se stesso

Con un clima più spagnolo che olandese, ad Assen Chaz Davies è riuscito a confermare la sua Ducati Panigale R factory in prima posizione nella classifica combinata al termine delle FP3. L’inglese del team di Borgo Panigale è andato forte per tutto il tempo a loro disposizione: la Panigale è rapidissima, infatti, nei cambi di direzione ed incredibilmente affilata nelle curve veloci, mentre Davies emoziona con staccate profondissime. E’ certamente il favorito alla vittoria.

Ma nelle FP3 Leon Haslam si è reso protagonista di una grande prestazione, che gli è valsa la prima posizione di questo turno di libere, con la Aprilia RSV4 RF che ha bloccato il cronometro in 1’35″946, l’unico oggi a scendere sotto l’1’36”.

Alle sue spalle ci sono ancora una volta le Kawasaki di Tom Sykes e Jonathan Rea, rispettivamente 3° e 4°, ma la novità è che il vice-Campione del Mondo è apparso decisamente più in forma e molto più aggressivo nella guida di quanto non abbia ancora fatto vedere dall’inizio del Mondiale. Domani la gara sarà quasi certamente un confronto tra la Ducati di Davies, l’Aprilia di Haslam e le due moto di Akashi, ma questa volta all’interno del box verde Rea potrebbe non vincere il confronto con il suo compagno, che pare proprio aver ritrovato quel feeling in frenata che aveva nella passata stagione.

Buon quinto tempo per il rookie Jordi Torres, che porta la sua Aprilia RSV4 RF a bloccare il cronometro in 1’36″066, precedendo così il padrone di casa Michael VD Mark che, in sella alla sua Honda CBR1000RR, conclude in 6° posizione, emozionando il pubblico di casa. Situazione, invece, difficilissima al box di Hamamatsu: la Suzuki, infatti, non riesce a lavorare con la nuova elettronica Marelli e il risultato è una moto che non va e che ha lasciato Alex Lowes a piedi proprio sul finale del tempo disponibile. Chiude quindi in 7° posizione l’inglese del team Volcom Crescent Suzuki, davanti alle due Ducati Panigale R di Terol (8°) e Fores (9°). Chiude la Top10, quindi, la MV Agusta di Leon Camier.

Undicesima posizione per l’italiano di Althea Racing, Baiocco, che si mette alle spalle il Campione del Mondo Sylvain Guintoli (12°) che anche qui ad Assen non riesce a trovare feeling e velocità con la sua Honda CBR1000RR, accusando perciò la grande prestazione del suo più giovane compagno di squadra. Tredicesima piazza per l’alfiere del Team Barni, Marcado, che in sella alla sua Ducati Panigale R si posiziona davanti alla BMW S1000RR di Ayrton Badovini, non pienamente soddisfatto del feeling con la moto tedesca. Chiude, invece, con la 17° posizione lo  sfortunato Canepa, ufficialmente a piedi dopo l’appena avvenuto fallimento di EBR.

Umberto Moioli

Sono nato a Monza il 9 gennaio 1993, ed ho iniziato a frequentare il paddock fin dalla più tenera età grazie a mio padre, ex pilota e team manager. Amo le corse, scrivere, e guidare tutto ciò che è scomodo, rumoroso e soprattutto veloce. Sono appassionato di roba Old-School e ho una visione parecchio romantica delle Corse.

Related posts

Leave a Comment