MotoGP news 

MotoGP, Rossi vince contro una Ducati incredibile: podio tutto italiano!

MotoGP, Rossi vince contro una Ducati incredibile: podio tutto italiano!

Ci si aspettava un avvio di Stagione spettacolare, ma nessuno poteva aspettarsi una gara così assurdamente pazzesca, che vede un incredibile Valentino Rossi che, a 36 anni suonati e protagonista di una rimonta dall’11° posizione, è riuscito a vincere nel GP di apertura del 2015, dopo aver ingaggiato una bagarre furibonda con la Ducati Desmosedici GP15 di Andrea Dovizioso.

Sono, infatti, le due Rosse che hanno completato il podio, un podio tutto italiano, che vede il Dovi 2° e Iannone 3°. Sapevamo che le GP15 andavano forte, ma nessuno poteva credere che fossero davvero così veloci, tanto da lasciarsi indietro entrambe le Honda RC213V.

Chiude in 4° posizione un bravissimo Jorge Lorenzo che, dopo aver lottato a lungo in prima posizione, deve soccombere ad una moto non totalmente a posto che gli impedisce di proseguire la bagarre fino alle ultime batture. Ma il grande sconfitto del GP del Qatar è stato Marc Marquez che, dopo aver realizzato una grande rimonta dall’ultimo posto, non riesce a colmare il gap dai primi quattro e dovendo così accontentarsi della 5° posizione a 7 secondi dalla vetta.

Gara totalmente anonima per Dani Pedrosa che, dopo essersi arreso al compagno di squadra, taglia il traguardo in 6° posizione, davanti alla Honda di Cal Crutchlow, che al proprio debutto sulla RC213V chiude 7°. Chiudono la Top10 le Yamaha francesi di Tech3, con Smith (8°) che vince la battaglia intestina sul compagno Pol Espargarò (9°) e su Yonny Hernandez, oggi 10°.

Undicesima piazza per la Suzuki GSX-RR di Aleix Espargarò, che transita sotto la bandiera a scacchi davanti ad un bravissimo Danilo Petrucci (12°), che ha dovuto però lottare contro una GP14 che si muoveva parecchi.

Per quanto riguarda l’Aprilia, Marco Melandri sopraggiunge al traguardo in 21° posizione con 33 secondi di ritardo, precedendo soltanto Loris Baz, protagonista di un debutto da dimenticare, poichè a causa di una caduta si ritrova attardato di ben 3 giri. Ritiro, invece, per Alvaro Bautista.

LA TELECRONACA:

Sotto le luci del circuito del Qatar, il primo GP stagionale si apre con le due Ducati GP15 protagoniste di una splendida partenza, sopraggiungendo alla Curva 1 entrambe nella Top3. Gran colpo di scena, invece, per Marc Marquez che si tocca nel gruppone e ritorna in pista addirittura in ultima posizione, costretto così a regalare al pubblico una rimonta di quelle che fanno storia.

Partito male anche Valentino Rossi che, ritrovatosi in 11° posizione dopo la prima curva, come Marquez si dà alla rimonta forsennata, condendola di sorpassi assassini e giri veloci. Là davanti, invece, le Ducati e Jorge Lorenzo tentano la fuga in una bagarre serratissima, con Dovizioso e Iannone letteralmente incollati l’uno all’altro.

Fuga, però, sfumata perchè a 16 giri dal termine Valentino Rossi, girando sull’1’55″3, riesce a ricompattarsi al terzetto di testa, mentre Marquez rampava su un cattivissimo Yonny Hernandez che ha tentato in tutti i modi di resistergli, dovendo però arrendersi qualche curva dopo.

Sorpasso incredibile per Andrea Dovizioso ai danni di un Jorge Lorenzo che, lottando con una M1 non troppo stabile, prova a non far scappare il Capitano del team di Borgo Panigale. Trenino di testa quindi con Dovizioso, Lorenzo, Iannone e Rossi che si danono alla bagarre più dura, mentre più indietro le HRC provano a recuperare terreno.

Volano via gli adesivi delle carene della Ducati di Dovizioso, che subisce un sorpasso cattivissimo di Lorenzo, venendo sopravanzato anche da un Valentino Rossi che mette nel mirino il compagno di squadra. Ma il numero 04 non molla, riprendendosi la posizione sia su Rossi che, un giro dopo, su Lorenzo; nel frattempo Marquez si mette alle spalle Pedrosa, ora a 4 secondi dalla seconda guida del Team rosso.

Ancora scambio di posizioni, con Jorge Lorenzo che riprende la testa della gara e prova ad aumentare ulteriormente il proprio ritmo, ma i suoi avversari non cedono neanche un centimetro, rimanendo così incollati agli scarichi della M1 #99.

A 5 giri dal termine, le Honda sembrano ormai fuori dai giochi e anche Andrea Iannone sembra alzare leggermente il proprio passo, concedendo un paio di metri ai primi tre.

Sorpasso di prepotenza per Andrea Dovizioso che sfrutta tutta la potenza del motore Desmodromico  e sorprende entrambe le Yamaha, ma Rossi apre una guerra di nervi e si tutta insieme al connazionale in una bagarre da infarto stile anni ’90, con sorpassi e controsorpassi da panico, che gli permette di prendere anche del margine nei confronti degli altri due inseguitori.

Ultimo giro che vede Rossi davanti alla Ducati Desmosedici, ma Dovizioso non molla. Ultime curve, ma la GP15 non riesce più a contrattaccare la Yamaha M1 di Valentino Rossi, che a 36 anni trionfa nella gara di apertura del 2015.

LA CLASSIFICA COMPLETA:

classifica MotoGP Qatar Gara

Umberto Moioli

Sono nato a Monza il 9 gennaio 1993, ed ho iniziato a frequentare il paddock fin dalla più tenera età grazie a mio padre, ex pilota e team manager. Amo le corse, scrivere, e guidare tutto ciò che è scomodo, rumoroso e soprattutto veloce. Sono appassionato di roba Old-School e ho una visione parecchio romantica delle Corse.

Related posts

Leave a Comment