MotoGP 

Motogp, KTM RC16: sarà in pista già a ottobre

ktm rc16 motogp 2017

Dopo aver prelevato dal box HRC Mike Leitner, da nove anni capomeccanico di Dani Pedrosa, con un contrattino ad hoc siglato soltanto a dicembre, ora KTM è pronta a fare sul serio con il proprio progetto di schierare, sulla griglia di partenza della MotoGP 2017, un prototipo factory completamente sviluppato all’ interno del Reparto Corse austriaco, rispettando la filosofia del “Ready to Race“.

Sono già 20, infatti, i tecnici dell’ ingegner Kurt responsabili del progetto RC16, di cui sappiamo essere caratterizzato da un propulsore V4 con distribuzione a valvole pneumatiche e cambio seamless, telaio in acciaio e sospensioni WP, immancabili come su ogni vera moto di Mattighofen.

Secondo le parole di Stefan Pierer, CEO di KTM, il motore verrà testato al bancoprova già nel mese di maggio, mentre Leitner, come riportato dal giornale tedesco Speedweek, prevede di portare in pista la RC16 già nel mese di ottobre:

I prossimi mesi saranno molto intensi, bisognerà gettare le basi. L’obiettivo è essere pronti per il primo test in pista a settembre od ottobre“. Ma arrivare là dove sono gli avversari non sarà facile. “Molto molto difficile – ha continuato – Sviluppare un progetto da zero e prenderne parte è una grande sfida. Darò il mio aiuto in tutte le aree in cui potrò farlo”.

Da vero austriaco, però, Pierer ha già pianificato tutto e procederà dritto fino all’ obiettivo senza distrazioni: “Il nostro obiettivo è avere la moto in pista per l’autunno. Nel 2016 avremo un tester che portà fare qualche wild card in MotoGP, mentre per quest’anno ci affideramo ad Alex Hofmann”.

Ma l’ ambizione del CEO di KTM va ben oltre il mero rientro in MotoGP: “Al terzo anno voglio lottare con i primi cinque. Avremo bisogno di due anni e mezzo per lo sviluppo, poi potremo vedere il nostro livello”.

Non ci resta, quindi, che aspettare le prossime notizie del Reparto Corse di KTM; ma nel frattempo, è bello sapere che le basi per la futura “Arancia Meccanica” sono più che solide.

Related posts

Leave a Comment