Automobilismo GT 

GT Italia, caso GT3: il Tribunale Nazionale d’ Appello dell’ Aci rimanda la sentenza al 20 gennaio

unnamed

La giustizia italiana colpisce ancora: potrebbe sembrare il titolo di un film della saga di Star Wars, ma in realtà è quello che è successo a Roma, al Tribunale Nazionale d’Appello dell’ACI.

L’ udienza dello scorso giovedì, che doveva decidere in merito all’appello proposto da Audi Sport Italia al termine di gara-2 del settimo ed ultimo appuntamento del Campionato Italiano Gran Turismo disputato a Monza lo scorso 26 ottobre, ha deciso di rinviare tutto al 20 gennaio, dimostrando, come consuetudine italiana, l’ incapacità di arrivare ad una decisione giusta e definitiva.

Nel corso della prima udienza, infatti, sono state sentile le due controparti, Audi Sport Italia e Scuderia Baldini 27, ma l’organo giudicante ha ritenuto la controversia non ancora definita per andare a sentenza, provvedendo alla nomina di un perito che dovrà esaminare i dati della telemetria della vettura Audi R8 LMS di Marco Mapelli.

L’appello di Audi Sport Italia era stato proposto nell’ultimo round di Monza dopo la decisione dei commissari sportivi di penalizzare di 10″ l’equipaggio Mapelli-Schoeffler in seguito al comportamento tenuto da Marco Mapelli, giudicato scorretto, nel corso dell’ultimo giro di gara-2. In particolare al pilota di Audi Sport Italia veniva contestato il forte rallentamento della sua vettura all’ingresso e nella parte centrale della Variante della Roggia, che aveva impedito a Raffaele Giammaria (Ferrari 458 Italia-Scuderia Baldini 27), che lo tallonava, di evitare il contatto.

L’ unica certezza, per ora, è che il titolo italiano della classe GT3 rimarrà vacante ancora per un po’.

Related posts

Leave a Comment